3 tipi di e-mail da automatizzare per aumentare le vendite, gli upsell e i profitti

L’e-mail è un potente strumento di marketing per qualsiasi azienda se sfruttata correttamente.

La casella di posta di un cliente è una zona priva di distrazioni in cui sei stato invitato, che ti dà la possibilità di catturare la sua attenzione con offerte più mirate rispetto a qualsiasi canale digitale.

Quindi non sorprende che l’efficacia e il ROI dell’email marketing siano incredibili. L’e-mail è 40 volte più preziosa per l’acquisizione di clienti rispetto a Facebook e Twitter. E per ogni $ 1 speso in email marketing, genera $ 44 di ROI.

Ma per quanto sia prezioso l’email marketing, da solo non è abbastanza. L’email marketing efficace è tutto basato sull’automazione. Invia l’e-mail giusta al momento giusto ai potenziali clienti giusti e avrai clienti per tutta la vita che saranno evangelisti per la tua attività.

Ecco 3 email che dovresti automatizzare per aumentare le vendite, gli upsell e i profitti.

1. L’e-mail di benvenuto

Avrai un’opportunità per fare una buona prima impressione. E se la tua presentazione a un nuovo abbonato non è impressionante, nemmeno le tue campagne di follow-up lo saranno.

Generando tre volte la transazione e le entrate per e-mail rispetto ad altre e-mail promozionali, l’e-mail di benvenuto è la testa delle tue campagne e-mail.

Quando un visitatore si prende il suo tempo per iscriversi alla tua lista e-mail, non solo accetta le newsletter future, ma ti dà accesso alla sua casella di posta. Non prendere alla leggera la loro fiducia. Rispondi alle loro aspettative per ciò che verrà.

Festeggia i nuovi iscritti con e-mail di benvenuto divertenti e amichevoli. Ad esempio, puoi offrire loro codici sconto unici. Ciò stimolerà le vendite tra i potenziali clienti che si sono appena impegnati consapevolmente a impegnarsi ulteriormente con la tua attività.

2. L’e-mail di abbandono del carrello

Sì, le persone si distraggono. Vanno online per effettuare un acquisto e qualcosa distoglie la loro attenzione. Ad esempio, ricevono una notifica di Facebook, il loro telefono squilla, bussano alla porta… e abbandonano il carrello senza pensarci due volte.

Secondo un rapporto del Baymard Institute, il 69% dei visitatori dell’e-commerce abbandona il carrello e il 61% indica i costi di spedizione elevati come motivo.

Trasforma i tuoi utenti che hanno abbandonato il carrello in clienti affrontando i costi di spedizione nelle e-mail di follow-up.

Puoi dire il valore della vita dei tuoi clienti? È probabile che la maggior parte di loro siano clienti abituali dopo aver provato i tuoi servizi? Se lo sono, offri loro uno sconto “rischioso” in modo che possano permettersi di prendere un colpo sul front-end. Ma se le tue tariffe sono troppo basse per competere sulla spedizione, chiedi un feedback.

Non sempre convertirai gli acquirenti del carrello abbandonati, ma proverai a contattarli per scoprire perché non hanno completato l’acquisto. Usa il loro feedback per migliorare la tua procedura di pagamento.

3. Nuovo prodotto teaser

Quando crei campagne e-mail seducenti e irresistibili che prendono in giro nuovi prodotti, creerai anticipazione per il tuo nuovo prodotto. Ciò creerà un’enorme quantità di supporto e ti aiuterà a raggiungere i tuoi obiettivi di progetto.

Hai un nuovo prodotto in arrivo sul mercato a breve? Crea una campagna teaser per entusiasmare i tuoi iscritti per il tuo prossimo lancio. In questo modo rimarranno sintonizzati per ulteriori aggiornamenti ed è probabile che acquisteranno il prodotto una volta che sarà disponibile.

Le e-mail teaser sono semplici perché devono solo suscitare curiosità, che manterrà il tuo pubblico coinvolto.

Leave a Comment

Your email address will not be published.