7 Domande da porsi prima di iniziare la ricerca di lavoro dopo una perdita di lavoro

Conosci i soliti consigli per le persone che hanno appena perso il lavoro:

“Inizia la tua ricerca di lavoro il prima possibile. Non tardare. Aggiorna il tuo curriculum, avvia la rete e continua con la ricerca.”

Questa è saggezza convenzionale e la maggior parte delle persone la segue. Sulla faccia, non c’è niente di sbagliato in questo. È quello che fanno tutti. Di solito funziona. Troverai un lavoro. Ne avevi uno prima, giusto? C’è un altro grande vantaggio nel cercare subito il prossimo lavoro; ti offre una rete di sicurezza mentale. Stai seguendo una convenzione; non devi spiegarti. Tuttavia, ci sono alcuni problemi nel seguire ciecamente le regole e le aspettative comuni. Sia le circostanze personali che quelle economiche circostanti potrebbero indicare che potrebbe esserci un “modo migliore” che si adatta meglio alla tua situazione generale.

In effetti, ci sono 7 domande che potresti chiederti se potresti fare meglio a ritardare la tua ricerca di lavoro e utilizzare il tuo tempo in modo diverso per un po’:

1. Qual è lo stato economico del settore e della città in cui ti trovi?

Guardando un settore in declino nella tua città, quanto ti farebbe bene iniziare a cercare un lavoro lì? In quale azienda se tutti smettessero di assumere? Non è meglio passare il tempo a controllare un luogo diverso per lavorare e vivere?

2. Qual è la tua situazione economica personale?

Fa la differenza se hai 50 anni contro 30; se hai un licenziamento rispetto a nessun licenziamento; non hai soldi in banca contro un ottimo conto di risparmio? I soldi non ti danno più libertà e tempo per goderti la vita per un po’? O ti rende pigro e troppo rilassato per cercare un nuovo lavoro in seguito?

3. Qual è la tua situazione familiare personale?

Fa differenza se sei single o hai un coniuge? Puoi correre più rischi come una sola persona? Oppure una famiglia fornisce una maggiore stabilità emotiva e potenzialmente la sicurezza di un secondo stipendio in modo tale che tu abbia un tempo più facile ritardare la ricerca di un lavoro rispetto a qualsiasi singolo coetaneo?

4. Quali sono le tue esigenze personali e professionali?

Cosa succede se non sei sicuro di cosa fare dopo professionalmente? Qual è il tuo livello di “danno cerebrale” da un’intensa carriera? È ora di fare la vacanza “una volta nella vita”? Dovresti prenderti un po’ di tempo per pensare al cambiamento di carriera? Quanto tempo avresti bisogno prima di tuffarti di nuovo?

5. Potresti avere una carriera migliore con un’istruzione aggiuntiva?

Che ne dici di investire in un po’ di istruzione e aumentare le probabilità di trovare un lavoro migliore in seguito? Quanto ti aiuterebbe l’istruzione a trovare un lavoro? Quanto tempo ti “acquisterebbe” nel mercato del lavoro?

6. C’è il rischio di accettare il prossimo lavoro disponibile?

In tempi favorevoli, è facile trovare un nuovo lavoro con lo stesso stipendio o con uno più alto. Cosa succede nelle recessioni con salari in calo? Se prendi una riduzione del 20% al primo lavoro offerto, tornerai mai al tuo precedente livello di stipendio? Non potrebbe esserci una strategia migliore… basta aspettare e rientrare nel mercato del lavoro una volta che le condizioni sono migliorate?

7. Quanto vale il tempo per te?

Dato che gli anni di lavoro totali potrebbero essere compresi tra 30 e 40, perché tanta fretta? Da trenta a quaranta anni di lavoro equivalgono a 360-480 mesi. Può essere davvero così brutto prendersi tre mesi di ferie e godersi la vita, pensare e modificare le proprie priorità? Lavorare il 99% della tua vita lavorativa non dovrebbe essere sufficiente? Non dovrebbe essere sufficiente per pagare le spese di soggiorno in corso e i risparmi per la pensione? Tutte queste domande potrebbero portare alla conclusione che forse candidarsi subito per il prossimo lavoro potrebbe non essere la migliore linea d’azione per te. Utilizzare il tuo tempo in altre attività per alcuni mesi prima di iniziare la ricerca di lavoro potrebbe essere la strategia giusta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.