7 migliori pratiche di email marketing per evitare di essere marchiati come spammer

Oltre il 65% degli esperti di marketing afferma che un’email marketing efficace è vitale per la propria attività. Ogni ora viene inviato un numero enorme di e-mail, quindi devi diventare abile nel far vedere la tua e-mail in una casella di posta affollata. L’email marketing efficace si basa su una comunicazione coerente e pertinente con le persone nel database. Se qualcuno si iscrive alla tua lista e non sente nulla da te per anni, dimenticherà chi sei. La prossima volta che invii loro un’e-mail, probabilmente dimenticheranno che ti hanno dato il permesso di inviarli via e-mail in primo luogo e faranno clic sul pulsante di spam. Troppi di questi e verrai etichettato come spammer e il tuo account di posta elettronica potrebbe essere bannato.

Quindi, hai impostato il tuo autorisponditore e i moduli di attivazione pronti e attivi sul tuo sito web. Diamo un’occhiata a come fare email marketing una volta che le persone devono iscriversi al tuo elenco e alle migliori pratiche di email marketing per assicurarti di non essere cancellato o segnalato come spam quando la tua email arriva in una casella di posta.

1. Invia un’e-mail di benvenuto.

L’email marketing efficace inizia con l’invio di un’e-mail di benvenuto quando qualcuno accede alla tua lista. Vuoi ringraziare la persona per la registrazione. Se hai promesso un download gratuito, assicurati che non debbano fare i salti mortali per ottenerlo e fornisci loro il link per il download direttamente nella prima e-mail.

2. Invia i follow-up pertinenti.

I follow-up dell’e-mail passo dopo passo sono ottimi perché mantengono il pubblico di destinazione in attesa della prossima e-mail. Ad esempio, se prometti di insegnare loro come rimettere in sesto la loro relazione in 7 brevi passaggi, invia loro le e-mail nell’arco di 7 giorni nell’ordine corretto. Non dare loro tutti e 7 i passaggi in una e-mail. Per un efficace e-mail marketing, utilizza il tuo autorisponditore al massimo delle sue potenzialità.

3. Non ingannare il tuo pubblico per aprire l’e-mail.

Uno dei fattori importanti per le migliori pratiche di email marketing è garantire che il tuo messaggio soddisfi la promessa dell’oggetto. La tua email deve avere un oggetto accattivante per essere aperta, ma non indurre le persone ad aprire il tuo messaggio promettendo qualcosa che non sarai in grado di consegnare. Può esserci una linea sottile tra l’essere intelligenti e l’essere ingannevoli. Assicurati di non attraversarlo.

4. Consenti alle persone di annullare l’iscrizione.

Se qualcuno vuole cancellarsi dalla tua lista, lasciaglielo. Se lo rendi difficile, potrebbero etichettarti come spam. Non avrai alcun successo con il tuo email marketing se ti preoccupi che qualcuno annulli l’iscrizione alle tue e-mail. Se un destinatario non ha interesse nemmeno a ricevere o leggere le tue e-mail, è molto improbabile che diventi comunque un cliente.

5. Crea una relazione.

I messaggi di posta elettronica che promuovono una risposta sono ottimi perché indirizzano il traffico al tuo blog e inducono le persone a commentare ciò che hai appena detto. I follow-up e-mail curiosi sono quelli in cui chiedi al tuo lettore di esprimere un’opinione e alle persone piace che venga richiesta la loro opinione. Potresti anche sondare il tuo pubblico su un prodotto o servizio in arrivo che hai.

6. Fornisci costantemente valore.

Le migliori pratiche di email marketing riguardano la fornitura di valore. Cospargi le tue e-mail di follow-up regolari con alcune e-mail di vantaggi speciali. Questo potrebbe essere un rapporto gratuito su un argomento rilevante o l’accesso a un webinar esclusivo. Questi sono i modi in cui puoi ringraziare il lettore per essersi iscritto e per averti permesso di comunicare con loro regolarmente via e-mail. Non limitarti a inviare costantemente messaggi di vendita.

7. Conosci il tuo pubblico.

Va da sé che le migliori pratiche di email marketing significano conoscere il tuo pubblico. Se invii email a persone che non le vogliono, è spam. Assicurati di diffondere le tue e-mail di follow-up in un modo a cui i tuoi clienti specifici risponderanno meglio. Alcuni rispondono meglio alle e-mail quotidiane. Alcuni potrebbero rispondere una volta ogni quattro giorni o bisettimanale. Dovrai misurare il tuo pubblico e vedere cosa funziona meglio per te e per loro.

Leave a Comment

Your email address will not be published.