Business a scopo di lucro contro attività senza scopo di lucro: dove posso ottenere il massimo impatto?

Tutti desideriamo fare la differenza nel mondo. Ma mentre ci sono molti modi attraverso i quali si può apportare un cambiamento positivo, le persone che cercano di avere un impatto sul mondo su larga scala non hanno altra scelta che essere abbastanza audaci da creare un’organizzazione attraverso la quale possono garantire un impatto duraturo. Quando si tratta di questo, la scelta è spesso ristretta a una tra un’organizzazione senza scopo di lucro e un’organizzazione a scopo di lucro.

La differenza più fondamentale tra attività a scopo di lucro e senza scopo di lucro è il motivo per cui sono state istituite. L’obiettivo principale di un modello di business a scopo di lucro è il profitto. Per le organizzazioni non profit, l’obiettivo è aiutare la comunità. Nel corso del tempo, tuttavia, la differenza tra i due è diventata confusa. In effetti, il confine tra loro è diventato così sfocato che si potrebbero aiutare i meno fortunati in entrambi i modi e trovare comunque soddisfazione in quello che fanno.

L’ascesa di enti di beneficenza a scopo di lucro ha fatto capire alle organizzazioni e ai leader che possono affrontare questioni sociali e sviluppare comunità senza dover essere un’azienda senza scopo di lucro vera e propria. Tuttavia, ognuno di questi modelli ha i suoi pregi e difetti. L’argomento a favore della struttura a scopo di lucro è che è autosostenibile poiché gli imprenditori sociali possono generare entrate proprie e non devono fare affidamento principalmente su altri per i finanziamenti.

Inoltre, come attività a scopo di lucro, puoi generare tutte le entrate che desideri. Non ci sono limiti alla quantità di reddito che puoi creare fornendo beni e servizi. A volte fare più fondi è facile come convincere le persone ad acquistare azioni nella tua organizzazione.

Nonostante tutti i vantaggi che offre, tuttavia, il modello di business a scopo di lucro è limitato per alcuni aspetti. Innanzitutto, devi pagare le tasse. In secondo luogo, essere un’attività a scopo di lucro ti squalifica dal ricevere sovvenzioni della fondazione e del governo. Le organizzazioni non profit, invece, possono beneficiare di sovvenzioni e possono essere esentate dal pagamento delle tasse.

Se decidi di operare come un’organizzazione no profit, però, lo svantaggio è che non potrai assumere partecipazioni. Inoltre, la tua capacità di generare entrate diventa limitata, poiché puoi vendere solo prodotti o servizi collegati allo scopo per cui la tua organizzazione riceve sgravi fiscali. In caso contrario, sarai tassato. Se l’importo realizzato dalla vendita dell’oggetto scollegato è notevole, potresti perdere del tutto i tuoi privilegi fiscali.

Alla fine, la tua capacità di avere un impatto nel mondo o spingere i confini di ciò che è accettato può essere limitata dalla quantità di denaro che puoi raccogliere. Senza i fondi per portare a termine il piano, il tuo desiderio rimane un semplice desiderio. Quindi, prima di accontentarti di qualsiasi modello, è essenziale chiedersi “dove posso raccogliere più fondi?”

Senza abbastanza soldi, la tua capacità di prevenire le malattie, ridurre la criminalità, il riscaldamento globale o porre fine a una crisi di rifugiati sarà limitata. Se stai andando con la struttura senza scopo di lucro, allora dovrai comprendere la grande quantità di sforzi necessari per attirare e trattenere i donatori. Se riesci a pensare a un prodotto o servizio correlato che sia commerciabile, ancora meglio.

Allo stesso modo, il tuo successo come attività a scopo di lucro dipende dalla tua capacità di introdurre un prodotto interessante che venda con un margine che ti permetta di guadagnare abbastanza profitto per alleviare la sofferenza umana.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *