Carriere non tradizionali per le donne – Fantini femminili che guadagnano terreno

La prima cosa che ricordo di voler essere da grande era un fantino. Beh, ovviamente non è successo, ma vorrei che ci fosse un campo di “fantasy jockey”, simile a quello che hanno per il baseball – sarei il primo ad iscrivermi!

Fare il fantino era una carriera non tradizionale per una donna quando ero una ragazzina, e lo è ancora oggi. Circa il 10% dei fantini purosangue professionisti sono donne; il Dipartimento del lavoro definisce un campo non tradizionale per le donne come quello in cui il 25% o meno degli occupati sono donne.

Come in altri campi dominati dagli uomini, le donne che hanno aperto la strada alle corse hanno affrontato molte sfide. La prima donna fantino a correre in una corsa pari-mutuel fu Diane Crump, nel febbraio 1969 a Hialeah, ma non fu la prima a provarci. Quando Penny Ann Early ha tentato di partecipare a tre gare a Churchill Downs nel 1968, le è stato impedito di correre perché gli altri fantini hanno boicottato le gare. Barbara Jo Rubin ha affrontato non solo i boicottaggi, ma anche un mattone lanciato attraverso il finestrino della sua roulotte, quando ha partecipato a una gara al Tropical Park nel gennaio del 1969. Tuttavia, Rubin è diventata la prima fantino donna a vincere una gara il 22 febbraio di quell’anno quando ha vinto a Charles Town. Rubin fu costretto al ritiro circa un anno dopo a causa di infortuni; tuttavia nella sua breve carriera di 89 gare ha vinto 22 volte ed è stata in the money altre 20 volte. Diane Crump è entrata di nuovo nella storia nel 1970 quando è diventata la prima donna a correre nel Kentucky Derby. Ha vinto oltre 230 gare prima di ritirarsi nel 1985.

Sebbene il numero di donne fantini sia ancora piuttosto basso, gareggiano in un ambiente molto diverso rispetto alle pioniere delle donne fantini. Le prime donne fantini hanno affrontato il pregiudizio e l’ostilità dei loro colleghi maschi, che non volevano che le donne gareggiassero contro di loro. Gli uomini a volte li interrompevano o commettevano altre violazioni, che venivano ignorate dagli ufficiali di gara. Li taglierebbero persino con le loro fruste! (L’ironia di questo è che una delle preoccupazioni dei piloti maschi era che sentivano che correre fosse troppo pericoloso e che le donne si sarebbero fatte male!)

Diane Crump è stata invitata a competere in un match race a Porto Rico. Il fantino maschio che cavalcava contro di lei ha fatto tutto il possibile per scalzarla dalla sua cavalcatura, incluso afferrare il suo sottosella, far cadere il piede dalla staffa e afferrarle le redini. Crump ha reagito colpendolo in testa con la frusta, ma ha finito per vincere la gara di gran lunga. Tuttavia, le donne tra la folla acclamavano Diane, imprecavano e lanciavano pomodori marci contro il fantino maschio!

Le prime donne fantini hanno anche affrontato l’opposizione delle mogli dei fantini, che erano a disagio per il fatto che le donne vedessero i loro uomini in vari stati di spogliarsi, anche se gli spogliatoi erano separati. In effetti, non c’erano spogliatoi femminili: le donne spesso dovevano cambiarsi nelle roulotte e non potevano nemmeno fare la doccia fino a quando non tornavano nelle loro stanze d’albergo alla fine della giornata.

Anche ottenere buone cavalcature era una sfida, poiché molti proprietari e addestratori non volevano che i loro cavalli fossero montati da una donna. A volte le fantine femmine venivano spinte a scambiarsi favori sessuali in cambio di una cavalcatura. Quando ottenevano le cavalcature, venivano spesso molestati dai fan in pista o “infastiditi” poiché gli allenatori gli davano una spinta in sella.

La marea iniziò a cambiare marcia negli anni ’70 nei piccoli circuiti dell’Est, le “leghe minori” delle corse, quando la dedizione e l’etica del lavoro delle donne si distingueva da quella degli uomini. Le donne iniziarono ad essere accettate e guadagnarono più e migliori cavalcature in tutto il paese.

La donna fantino di maggior successo è Julie Krone. Ha iniziato la sua carriera agonistica nel 1981 e ha vinto 3.454 gare prima di ritirarsi nel 1999. Al momento del suo ritiro, aveva vinto più di $ 81 milioni in borse e si era classificata al 16 ° posto per guadagni nella lista di tutti i tempi per tutti i piloti. Non si è ritirata nel 2002 e ha continuato a vincere, finendo la sua carriera con 3.704 vittorie e oltre $ 90 milioni di guadagni in borsa. Nel 1993, Krone è diventata la prima donna a vincere una Triple Crown Race, quando ha guidato 13-1 Colonial Affair alla vittoria nel Belmont Stakes. È l’unica donna a vincere una gara di Breeder’s Cup. Ha compiuto la rara impresa di cavalcare sei vincitori in un giorno. È l’unica donna pilota nella Racing Hall of Fame, inserita nel 2000.

Krone “ha smentito” l’idea che le donne non fossero abbastanza forti o abbastanza forti per gestire animali enormi in uno sport pericoloso. A 4’10” e 105 libbre, era minuscola anche per gli standard da fantino. Tuttavia, le sue dimensioni non le impedivano di vincere gare, di tornare da infortuni che avrebbero messo fine alla carriera di altri corridori, o di litigare e incontri di wrestling con fantini maschi che le avevano fatto un torto.

Seguendo il percorso di Krone e delle altre pionieristiche fantini, sempre più donne corrono con successo e affrontano molti meno pregiudizi e resistenze rispetto alle donne nei primi giorni. (Anche se si verifica ancora.) Il 26 marzo 2009 il giovane fantino Maylan Studart ha vinto la sua 40a gara con una vittoria all’Aqueduct, spostandola dallo stato di apprendista a quello di operaio. Tre dei sette fantini che ha battuto quel giorno erano donne! Aqueduct ha attualmente cinque fantini donne che gareggiano in pista. John Lee della NY Racing Association ha dichiarato: “Non credo che abbiamo mai visto così tante donne di talento correre qui allo stesso tempo. E quando corrono a New York, corrono nelle major league. “

Non vedo l’ora di vedere molte altre donne competere con successo come fantini. (E continuo a sperare in quel fantastico campo da fantino!)

© Koval Associates LLC

Leave a Comment

Your email address will not be published.