Come gestire la migrazione di un sito Web da un host Web a un altro

La migrazione di un sito Web è il processo di spostamento dei file di un sito Web da una società di hosting Web a un’altra. Una migrazione può avvenire per molte ragioni:

1. Hai ampliato il tuo sito web e hai bisogno di più spazio web;

2. Hai bisogno di più funzionalità (es. database, carrello o hosting di file multimediali);

3. Hai trovato un affare migliore sull’hosting di siti web;

4. Oppure un parente/amico/collega ha spazio sul server e si è offerto di ospitare il tuo sito web per poco o niente.

Indipendentemente dalla situazione, eseguire la migrazione di un sito Web è inevitabile. È come spostarsi da una casa all’altra. In questo articolo, ti darò diversi suggerimenti per rendere la grande mossa il più agevole possibile.

Suggerimento 1: pianifica la migrazione.

È meglio pianificare la migrazione quando non ci sono tanti utenti web che visitano il tuo sito web. Controlla il traffico del tuo sito web (o contatta il tuo dipartimento di marketing online) per vedere quando i livelli di traffico sono bassi, che in alcuni casi possono essere la sera o il fine settimana, a seconda del sito web. Per un sito Web aziendale, potrebbe essere il fine settimana, ma per un sito Web di giochi potrebbe essere infrasettimanale.

Suggerimento 2: avvisa TUTTE le parti interessate.

Informare chiunque abbia un interesse nel sito, non solo internamente (dipendenti, azionisti) ma anche esternamente (fornitori, clienti e visitatori del sito). Dovrebbe essere sufficiente un semplice collegamento che reindirizza alla data e all’ora della migrazione, nonché alla data di completamento prevista.

Suggerimento 3: imposta una data limite per le modifiche.

Stabilisci una scadenza per l’invio di tutti gli aggiornamenti dei contenuti. Rinviare eventuali aggiunte importanti al sito Web (ad es. nuove sezioni, nuove funzionalità) fino a dopo la migrazione. Una buona misura è stata 3 giorni lavorativi prima della migrazione. Eventuali modifiche presentate oltre la data di scadenza dovrebbero attendere fino a dopo il trasferimento.

Suggerimento 4: BACKUP del sito web.

Il giorno successivo alla data di scadenza del contenuto, eseguire il backup del sito Web. Ciò significa tutti i file, le immagini, gli script, i file multimediali e altri file. È possibile eseguire il backup del sito Web su un CD-RW (disco riscrivibile CD), un’unità Zip o un disco rigido esterno. È importante eseguire il backup di un sito Web non solo per una migrazione, ma anche settimanale o bisettimanale, se possibile. Il vantaggio è che hai un archivio del sito web.

Suggerimento 5: assicurati di avere le nuove informazioni di hosting web.

Ciò comprende:

1. FTP (Informazioni sul protocollo di trasferimento file):

un. Il nome host. Questo può essere l’indirizzo IP (Internet Protocol). Questo è un indirizzo numerico del server fisico (grande computer che è quasi sempre acceso) dove risiederà il sito web.

b. Il nome utente dell’account

c. La password dell’account

2. Le informazioni di accesso al Pannello di controllo.

Questo è il manuale operativo per l’host web sarà individuato. Potrebbero essere o meno le stesse informazioni del login FTP. Avrai bisogno di queste informazioni per attivare funzionalità per il tuo sito web come moduli di invio web, database, carrelli della spesa e altre funzionalità interattive.

3. Server dei nomi di dominio.

Questi sono gli indirizzi dei server dove risiederà il nuovo sito web. La maggior parte degli host web ha da 2 a 3 indirizzi di server dei nomi di dominio riservati. Avrai bisogno di queste informazioni per trasferire il nome di dominio (www.tuaazienda.com) ai server del nuovo host web dopo che tutti i file del sito web sono stati trasferiti.

Suggerimento 6: prova il “nuovo” sito web.

Testare il nuovo sito Web digitando l’indirizzo IP dedicato o l’indirizzo di hosting condiviso. Verifica che tutti i collegamenti funzionino e non vadano a pagine di errore. Questo è il momento di correggerli.

Suggerimento 7: correggi i moduli

Se hai moduli sul tuo sito web, assicurati anche di andare al pannello di controllo del tuo account per le indicazioni su come personalizzare il modulo per funzionare con il nuovo server. La maggior parte degli host web dispone di moduli web “plug and play” facili da implementare. Se non sei sicuro su come implementare un modulo, contatta un programmatore web e/o il dipartimento di supporto della tua nuova società di web hosting.

Suggerimento 8: prova il/i modulo/i

Assicurati che tutti i moduli funzionino eseguendo diversi test. Ciò può significare che il modulo viene inviato (inviato via e-mail) alle persone giuste e/o assicurarsi che le informazioni siano inserite nel database.

Suggerimento 9: allontanati dal sito Web per un po’ e provalo di nuovo.

È bene allontanarsi e guardare di nuovo il sito web. Se possibile, chiedi a qualcuno che non è uno stakeholder di guardare il sito Web per assicurarti che nulla sia fuori posto. Qualcosa si trova quasi sempre in questa fase.

Suggerimento 10: dopo che tutto è stato verificato, puoi andare al tuo registrar di domini e cambiare i server dei nomi di dominio (DNS) con il tuo nuovo host web. Accedi al tuo account registrar di domini e sostituisci i vecchi indirizzi DNS con i nuovi indirizzi. Le modifiche al server Web richiedono in genere da 2 a 3 giorni prima che abbiano effetto online. Pertanto, si consiglia di farlo durante un periodo di traffico ridotto, come un fine settimana, in modo che non interferisca con le operazioni aziendali.

Suggerimenti dopo la migrazione:

1. Attendi un giorno o due per vedere se la migrazione ha funzionato digitando il nome di dominio per vedere il sito Web sul nuovo server. Prova di nuovo il sito Web per assicurarti che tutti i collegamenti funzionino e che tutti i moduli siano operativi.

2. Continua a testare il sito almeno 2 o 3 settimane prima di notificare alla vecchia società di web hosting di cancellare l’account. Non è raro dimenticare di spostare qualcosa. Il tempo di transizione aiuterà a garantire che tutto si sia mosso con successo.

3. Continuare inoltre a testare attivamente il sito Web e prestare attenzione ai modelli di utilizzo. Non è raro vedere cambiamenti nel modo in cui i visitatori accedono alle informazioni sul sito web.

4. Archivia il vecchio sito Web dall’host Web precedente. Non si sa mai quando sarà necessario fare nuovamente riferimento, soprattutto se si decide di tornare all’host web originale.

La migrazione di un sito Web non deve essere stressante se il processo è suddiviso e pianificato in fasi. Quando la migrazione di un sito Web viene gestita di conseguenza e eseguita correttamente, i visitatori del tuo sito Web non si accorgerebbero nemmeno che si è verificata una migrazione del sito Web.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *