Come gestire un progetto di costruzione di una casa

Dopo aver approvato il progetto architettonico dall’autorità locale, il passo successivo è iniziare i lavori di costruzione.

Un’attenta selezione del vostro imprenditore edile è fondamentale. Invita diversi appaltatori edili rispettabili a citare i computi metrici vuoti e fornire una data di restituzione specifica per i preventivi.

Con l’aiuto del tuo architetto, analizza i preventivi in ​​termini di precedenti prestazioni di lavori simili, periodo di tempo per terminare il contratto e prezzo.

I contratti di costruzione sono disponibili presso l’associazione di architettura degli uffici del Kenya, centro professionale, Nairobi. È prevista una garanzia di prestazione per vincolare l’appaltatore a eseguire i lavori come specificato ed entro un determinato lasso di tempo, in mancanza della quale perde un determinato somma di denaro, di solito il 5% della somma del contratto.

Una volta che l’impresario edile ha concluso l’appalto, l’architetto esamina i lavori e, se soddisfatto, rilascia un certificato pratico di ultimazione per attestare che i lavori sono praticamente terminati e il proprietario può trasferirsi nell’abitazione. Questo documento consente all’imprenditore edile di recuperare la sua garanzia di prestazione dalla banca.

Il contratto di costruzione specifica anche l’importo da trattenere da ogni pagamento, solitamente il 10% dell’importo del contratto. Una volta che l’appaltatore ha concluso il contratto, metà dell’importo trattenuto gli viene pagata e l’altra metà viene pagata dopo 6 mesi, questo periodo è noto come periodo di responsabilità per difetti. Tale trattenuta verrà utilizzata per riparare eventuali danni che potrebbero verificarsi dopo 6 mesi dalla presa di possesso della casa. Se i difetti si manifestano dopo 6 mesi dal possesso della casa, le spese di riparazione devono essere sostenute dal proprietario della casa.

Dopo il periodo di responsabilità per difetti di 6 mesi, il tuo architetto controlla se tutti i difetti sono stati rettificati come tetti che perdono, porte che non si chiudono correttamente ecc. Se è soddisfatto, rilascia all’appaltatore un certificato finale in modo che l’appaltatore possa ora essere pagato il resto del 10% dell’importo trattenuto.

L’architetto ispeziona anche i lavori di costruzione su base regolare, di solito ogni due settimane e tiene un incontro di cantiere con il cliente, l’appaltatore e altri consulenti come il geometra, l’architetto d’interni, l’ingegnere strutturale, l’ingegnere elettrico e l’ingegnere meccanico -servizi edili.

Queste riunioni e sopralluoghi in cantiere aiutano a tracciare lo stato di avanzamento dei lavori di costruzione dall’inizio al completamento e sono strumenti utili utilizzati per diagnosticare problemi, trovare soluzioni e risolvere controversie entro la durata del contratto.

Se stai progettando di costruire una casa in Kenya, Nairobi, Mombasa, Nakuru, Kisumu, questo articolo sarà molto utile per darti un’idea di come gestire il tuo progetto in modo efficace.

Leave a Comment

Your email address will not be published.