Come impedire ai tuoi arbitri di sabotare i tuoi colloqui di lavoro?

Uno degli ostacoli più difficili che alcune persone devono affrontare quando cercano lavoro è fornire un referente del lavoro attuale in grado di fornire informazioni sulle tue conoscenze, abilità e su come ti adatti al posto di lavoro. Ciò è particolarmente vero per le persone che sono state licenziate e anche i loro supervisori hanno perso il lavoro e se ne sono andati. Questa è una questione più complessa.

Ma che dire della persona in cerca di lavoro che crede che il suo arbitro darà loro un buon rapporto e un anno dopo scopre di essere stato effettivamente responsabile delle loro domande di lavoro non andate a buon fine. Potrebbero non saperlo mai o potrebbero scoprirlo troppo tardi e aver perso tempo prezioso. Più a lungo sei disoccupato, più diventa difficile trovare un lavoro. In effetti, l’arbitro potrebbe non essere nemmeno a conoscenza del fatto che il suo rapporto arbitrale non ha venduto il richiedente con soddisfazione del potenziale datore di lavoro.

In un caso ho scoperto che un arbitro ha fatto un rapporto vendicativo così feroce che credevo che la persona in cerca di lavoro avesse motivi per un’azione legale. La persona in cerca di lavoro si era regolarmente confrontata con il suo arbitro e gli era stato detto che andava tutto bene ed era amichevole. Ci doveva essere una spiegazione sul motivo per cui la persona in cerca di lavoro ha avuto colloqui così positivi solo per sentirsi dire che non aveva avuto successo, e questo mi ha portato a controllarmi.

Non tutte le segnalazioni di cattivi arbitri sono deliberate. Essere l’arbitro di qualcuno è un’impresa molto responsabile e la persona in cerca di lavoro deve essere sicura che l’arbitro scelto sia nel suo angolo. Le due parti dovrebbero parlare dei loro obblighi reciproci e mettere in atto un processo su come funzionerà per loro. La persona in cerca di lavoro deve essere sicura che l’arbitro capisca che il suo rapporto potrebbe fargli ottenere il lavoro o essere responsabile della sua perdita

Gli arbitri dovrebbero essere nutriti. In primo luogo, dovrebbero essere forniti loro il curriculum delle persone in cerca di lavoro e un elenco del tipo di lavoro che vengono presi di mira. Dovrebbero anche essere informati di tutte le abilità possedute dalla persona in cerca di lavoro che non sono state utilizzate nel suo ultimo lavoro. Quando una persona in cerca di lavoro riceve un colloquio, deve fornire all’arbitro la descrizione del lavoro e la sua domanda di lavoro.

La mia politica è di consigliare alle persone in cerca di lavoro di lasciare il nome dell’arbitro fuori dal curriculum e di dichiarare che l’arbitro sarà fornito al colloquio. Ci sono molti problemi di privacy relativi alla nomina di un arbitro e ai dettagli di contatto sui curricula. A molti arbitri non piace che i loro nomi e dettagli siano prontamente disponibili a tutti. Idealmente dovresti avere due referenti che un datore di lavoro può contattare, se possibile.

Quando è tutto finito e ottieni il tuo lavoro, dovresti fornire all’arbitro un regalo di qualche tipo. Magari una buona bottiglia di vino!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *