Come scrivere una descrizione del lavoro meglio di un professionista del personale

Fatto: le descrizioni dei lavori possono essere difficili da scrivere anche se sei un professionista. Tuttavia, molti datori di lavoro si rivolgono ai nostri reclutatori dopo che l’annuncio di lavoro non è riuscito. Successivamente, queste persone ritengono che i loro annunci di lavoro non abbiano mostrato il successo che avrebbero se l’avessero scritto un po’ meglio. Questo non è il caso.

Per ottenere davvero un fuoricampo con una descrizione del lavoro, devi essere nel 99° percentile. I nostri reclutatori hanno accesso a postare gratuitamente praticamente su ogni bacheca di lavoro da qui alla Nuova Zelanda. Normalmente non pubblichiamo più di un paio di lavori per cliente perché sono semplicemente una perdita di tempo, ironicamente fatta dai noleggiatori con la speranza di non sprecare denaro.

Tuttavia, ciò non significa che la descrizione del tuo lavoro debba andare sprecata. Molte aziende, indipendentemente dalle dimensioni, hanno difficoltà a “reclutare” i migliori candidati sul mercato perché incontrando queste persone, gli intervistatori a volte non si sono presi il tempo di esporre i benefici che il dipendente riceverà sia su base monetaria che personale lavorare con l’organizzazione.

Quando formuli queste “descrizioni del lavoro”, concentrale sul beneficio dell’individuo che guadagnerà il lavoro, invece di avere l’atteggiamento (o far percepire agli altri) che il processo di ricerca del lavoro riguardi la parte che assume.

Al momento del colloquio, se ti concentri sull’interesse e sul coinvolgimento dell’intervistato nella posizione, sarà inevitabilmente più rilassato e quindi più aperto riguardo alle risposte alle tue domande. Se riesci a coinvolgere una persona in cerca di lavoro nella prospettiva di lavorare presso la tua azienda durante i round di colloquio iniziali, entrerai nel processo decisionale finale con un’enorme quantità di munizioni aggiuntive per aiutarti a prendere la giusta decisione di assunzione.

Un ultimo suggerimento per quanto riguarda le descrizioni dei lavori è quello di evitare aggettivi generici come “migliore” o “ottimo!” Anche se ci vuole un’ora davanti a un dizionario dei sinonimi, posso quasi garantire che puoi rendere la tua azienda un assoluto All-Star quando si tratta di persone in cerca di lavoro aperte che hanno la richiesta attiva di entrare a far parte della tua organizzazione.

Leave a Comment

Your email address will not be published.