Comprensione dell’autorisponditore e-mail e dei messaggi di follow-up

Sapevi che puoi effettuare vendite con il pilota automatico semplicemente utilizzando il tuo autorisponditore e i messaggi di follow-up che fornisci ai tuoi abbonati? Ma prima di andare oltre, per favore permettetemi di spiegare cosa sono esattamente gli autorisponditori, per coloro che potrebbero non essere a conoscenza.

Un autoresponder è uno script software che automatizza i messaggi e-mail e le risposte. È qualcosa che useresti per inviare i tuoi messaggi di follow-up a un nuovo abbonato che è nella tua lista di posta elettronica. Per non confonderti, questi messaggi sono spesso chiamati anche autorisponditori. L’autoresponder ti dà la possibilità di creare e gestire i tuoi autorisponditori (i tuoi messaggi) se questo ha senso.

Puoi pensare agli autorisponditori e-mail come a dei silenziosi cavalli di battaglia nel tuo e-mail marketing. Fondamentalmente, sono qualsiasi tipo di e-mail automatizzata o anche una serie di e-mail (i tuoi messaggi di follow-up) che scrivi una volta, pianifichi e invii automaticamente dal tuo Autoresponder (lo script del software).

Spero di non essere stato troppo confuso. Passiamo al modo in cui i marketer utilizzano gli autorisponditori per ottimizzare le loro campagne e-mail per ridurre la quantità di lavoro che devono fare. Ad esempio, invece di inviare un’e-mail a ogni individuo che si iscrive alla tua newsletter o lista e-mail, un autorisponditore può facilmente inviare un’e-mail di benvenuto con messaggi di follow-up tutti personalizzati.

Al centro dell’email marketing ci sono gli autorisponditori. Lo usi per promuovere la tua attività. Viene anche utilizzato per costruire relazioni con i tuoi potenziali clienti, tenere informati e aggiornati i clienti attuali, offrire coupon per incoraggiare la fedeltà dei clienti e molto altro ancora!

Il problema è che la maggior parte dei visitatori del sito web non acquisterà qualcosa da te alla prima visita. Normalmente un visitatore impiega in media 6 o più volte prima che decida di effettuare un acquisto da te. Al fine di mantenerli interessati ed eventualmente concludere la vendita, è qui che entrano in gioco i tuoi messaggi di follow-up.

Quando inizi a scrivere il tuo messaggio, dovrai trovare alcune righe o titoli convincenti per l’oggetto. Le righe dell’oggetto sono ciò che attira l’attenzione dei tuoi iscritti, facendoli sentire entusiasti di leggere il resto del tuo messaggio. Se invii un messaggio con un titolo o una riga dell’oggetto noiosi o irrilevanti, è probabile che i tuoi abbonati non aprano nemmeno la tua email e tanto meno prestino molta attenzione ad essa.

Un ottimo modo per attirare l’attenzione dei tuoi iscritti è tramite la personalizzazione, come usare i loro nomi. La maggior parte degli script o delle piattaforme software di risposta automatica ti daranno questa possibilità di personalizzare i tuoi messaggi attraverso l’inserimento di codici. Quando invii un messaggio, il codice viene sostituito con le informazioni personali del tuo abbonato. Quando riceve l’e-mail, il lettore vedrà le sue informazioni personali invece del codice. Questo è un ottimo modo per utilizzare le informazioni personali per coinvolgere ulteriormente i tuoi iscritti.

Il primo messaggio che invii al tuo abbonato dovrebbe essere l’e-mail di benvenuto o di presentazione. L’e-mail di benvenuto è la più importante in quanto preparerà il terreno per dare al tuo lettore cosa aspettarsi da te e dai tuoi messaggi successivi. L’e-mail di benvenuto è un ottimo modo per iniziare a marchiare te stesso o l’azienda fornendo loro un piccolo background di ciò che fai e di come puoi aiutarli.

Il secondo messaggio e-mail nella tua serie di follow-up dovrebbe informare i tuoi abbonati sui tuoi prodotti e servizi. Assicurati di spiegare cosa fanno i tuoi prodotti o servizi e come possono trarne vantaggio. È più probabile che le persone vengano vendute sui vantaggi rispetto alle caratteristiche di un prodotto o servizio. Puoi quindi fare loro un’offerta irresistibile dando loro uno sconto a tempo limitato se acquistano ora.

Nel terzo messaggio a seguire, prova a dare maggiore enfasi ai tuoi servizi e prodotti. Dì ai tuoi abbonati come devono semplicemente avere il tuo prodotto o servizio perché sono un gradino sopra gli altri, quindi dimostraglielo offrendo loro un campione o un’offerta di prova o, meglio ancora, un’offerta compra 1 ottieni 1 gratis. Per assicurarti di ottenere una vendita, dovresti includere confronti tra ciò che offri e ciò che offrono i concorrenti. In questo modo, mostrerai ai potenziali clienti che sei davvero il migliore, con le migliori caratteristiche e i migliori prezzi.

Una volta che avrai alcuni clienti soddisfatti, inizierai a costruire la tua credibilità. Puoi anche chiedere ai tuoi iscritti un feedback nei tuoi messaggi di follow-up su come puoi migliorare la loro esperienza o come puoi aiutarli personalmente. Una volta che un cliente ha elogiato i tuoi prodotti o servizi, puoi aggiungerlo a una testimonianza e inviarlo in un altro messaggio di follow-up futuro.

Un ottimo modo per mantenere i tuoi iscritti in attesa della tua prossima email è terminare il tuo messaggio con un teaser per il messaggio successivo. Ad esempio, “Non dimenticare di tenere d’occhio la mia prossima email in cui ti invierò qualcosa di speciale”. Questo potrebbe essere una vendita lampo, un coupon o semplicemente un download gratuito.

Sfrutta il tuo autorisponditore e i tuoi messaggi di follow-up come il tuo team di vendita personale e presto effettuerai vendite con il pilota automatico. Esercitati a tessere anche i contatti della tua azienda e le informazioni sul sito Web, in modo che i tuoi abbonati possano effettuare facilmente un ordine senza problemi o quando vogliono. Se dedichi un po’ di tempo ai tuoi messaggi di follow-up, trasformerai presto i tuoi iscritti in tuoi clienti.

Leave a Comment

Your email address will not be published.