Cosa c’è che non va nei video online

Ispirato dal lancio di Bud.tv, ho fatto un rapido tour di ciò che è disponibile nei video online. E i risultati sono un miscuglio frustrante per non dire altro. È sicuramente più complicato della programmazione video che posso ottenere dalla mia parabola DirecTV. Il modo in cui una persona normale dovrebbe far funzionare questa tecnologia è al di là di me. Dopo aver esaminato un paio di siti di video, ho riscontrato otto diversi problemi:

Prima di tutto, la mia aspettativa è di essere il più vicino possibile all’esperienza utente di YouTube: cerchi il contenuto del video nella home page, fai clic su ciò che desideri e il video inizia a essere riprodotto all’interno del frame del browser esistente. Non voglio scaricare nessun lettore multimediale speciale, grazie mille – ne ho già un carico di camion che girano sul mio disco rigido. Non voglio nemmeno andare in giro alla ricerca del video: dovrebbe essere facile trovare qualunque cosa io voglia guardare.

In secondo luogo, dovrebbe funzionare solo con la mia configurazione. Non voglio che venga visualizzata alcuna finestra secondaria, perché potrei avere i popup bloccati e non ho voglia di inserire il tuo sito di video nella mia whitelist. Non voglio apportare altre modifiche alla configurazione del mio browser per consentire l’avvio del tuo video, perché ciò potrebbe interrompere qualcos’altro o aprirmi ad altri exploit.

Terzo, voglio che funzioni in quasi tutti i browser e sistemi operativi che mi capita di usare, ma sicuramente più della combinazione Windows/IE (e mentre stiamo controllando, assicuriamoci che IE 7 non si rompa quando lo uso per navigare anche nel tuo sito). Molti di noi usano più browser su più piattaforme e non vogliamo dover avviare un particolare PC solo per guardare qualcosa. Questo ovviamente va contro quasi tutto ciò che Microsoft e Apple stanno facendo.

In quarto luogo, voglio un modo facile e semplice per “inviare questo video via email a un amico”. Parte del divertimento di guardare video online è condividerli con 100 dei tuoi amici più cari. Detto questo, voglio un po’ di fiducia nel fatto che tu, come proprietario del sito, non accetti tutte quelle e-mail e le vendi a qualche spammer in Moldova.

Quinto, non voglio prendere misure estreme per gestire il tuo sistema di registrazione solo per ottenere il tuo video. La vita è troppo breve, ho già troppe password da gestire e posso comunque andare altrove per ottenere contenuti video, quindi perché scherzare cercando di passare attraverso qualsiasi cancello tu metta sulla mia strada?

Sesto, non mi interessa se il contenuto è protetto da copyright. Lo so, questa è un’eresia per qualcuno che si guadagna da vivere creando contenuti, ma penso che una breve clip di tre minuti rientri nel fair use. Superala, magnati dei media mainstream, e sii felice che a qualcuno importi abbastanza da registrare e pubblicare una clip che promuove il tuo spettacolo. Ora, sicuramente ci sono diversi problemi coinvolti quando scarichi un intero lungometraggio di due ore, ma sto parlando di consumare brevi contenuti qui.

Settimo, se hai intenzione di eseguire lo streaming, fallo con la giusta quantità di cache in modo che l’audio non si tagli e l’immagine non si muova. E se hai intenzione di farmi scaricare qualcosa, il download non dovrebbe richiedere più tempo della visualizzazione della clip vera e propria. Ma preferirei lo streaming, solo perché non voglio ingombrare il mio disco rigido con video che non guarderò più di una volta.

Infine, voglio più di una finestra delle dimensioni di un francobollo da guardare. Non devo avere schermo intero, qualità DVD, ma sarebbe sicuramente bello vedere almeno qualcosa che si avvicina a riempire il mio schermo. In questo momento è più un problema di larghezza di banda e la maggior parte dei siti, incluso YouTube, non visualizza un’immagine abbastanza grande.

Prendere tutti questi problemi insieme rende oggi un compito arduo per la maggior parte dei video Web. YouTube soddisfa quasi tutti i criteri, più o meno, motivo per cui il sito ha raccolto un tale seguito e perché ha ottenuto un sacco di GoogleBucks. Diamo un’occhiata ad alcuni altri e vediamo dove mancano.

Netflix ha annunciato che inizierà presto lo streaming di video ai propri clienti e devo ancora vederlo in prima persona. Ma da cliente molto soddisfatto, gli auguro ogni bene. Hanno la migliore ricerca video del settore e hanno l’idea giusta per il resto dell’esperienza utente. Spero che siano all’altezza dell’hype.

Bud.tv, la nuova impresa del settore della nostra città natale qui a St. Louis, utilizza un player speciale in un pop-up che ha ricevuto da Akamai/Nine Systems. (Un demerito per questo.) Ha un sistema di registrazione che in realtà controlla la mia data di nascita rispetto a un database nazionale (non uso più il 1 gennaio come voce predefinita, che è qualcosa che consiglio di confondere il furto di identità). Lo fanno per assicurarsi che tu abbia più di 21 anni, ma non ho visto alcun contenuto che non mi sentirei a mio agio nel condividere con mia figlia adolescente sul sito. Ci sono già persone che si lamentano di problemi e prevedo che presto demoliranno questo sistema.

Bud.tv cade anche nella ricerca: scorri una barra del canale orizzontale che ora è abbastanza corta ma una volta che il sito inizia a funzionare non sarà molto praticabile. Non immagino che molti utenti tollereranno questo metodo per molto tempo e non torneranno o torneranno semplicemente a uno o due canali che risuonano con loro (i cortometraggi di TriggerStreet.com sono stati un grande successo per me). Trasmettono in streaming tutti i loro video e il suono si interrompe più volte sulla mia connessione DSL. Dato che il sito è stato appena lanciato questa settimana, non posso dire se sarò un visitatore frequente.

Un esempio di sito di video su cui non tornerò è CinemaNow. Richiedono IE, scaricano il proprio lettore e generalmente lo rendono doloroso per me.

Una serie di video che mi è piaciuto molto è Amanda Congdon, su ABCnews.com. L’ho guardata su iTunes, perché era troppo difficile trovare il contenuto usando un segnalibro Web. Quindi sto subito infrangendo alcune delle mie regole, ma considero il mio iTunes una condizione software preesistente. I video settimanali durano circa cinque minuti e Congdon è carino, divertente e informativo tutto in uno. I download avvengono in background (uno dei vantaggi di avere iTunes come lettore) e la qualità è di prim’ordine, quella che ti aspetteresti da una rete TV.

Quindi, come puoi vedere, abbiamo una strada da percorrere prima che i video online possano essere facilmente come premere un paio di pulsanti su un telecomando e guardare la normale TV. Bene, forse stiamo per attraversare: accendere e spegnere tutti i dispositivi di intrattenimento del mio soggiorno con il telecomando DirecTV non è facile, e ancora non riesco a far funzionare tutto come vuole mia moglie. Forse quei plug-in video del browser non sono poi così male, dopotutto.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *