Deposito immobiliare vs acconto

Quando vendi la tua casa, devi avere familiarità con il gergo immobiliare correlato. Devi conoscere la differenza tra una tettoia e una tenda da sole; un mutuo e un prestito; e, soprattutto, la differenza tra un deposito e un acconto.

Che ci crediate o no, ci sono molti venditori di case che pensano che depositi e acconti siano la stessa cosa, quando in realtà non lo sono.

Un deposito è il denaro dato o consegnato al proprietario quando un acquirente indica un sincero desiderio di acquistare l’immobile in vendita. Si tratta di un importo simbolico che potrebbe arrivare fino a poche centinaia di dollari o fino al 5% del prezzo totale di acquisto. La caparra può essere restituita quando la transazione non va a buon fine per cause indipendenti dalla volontà dell’acquirente, e può anche essere incamerata a favore del venditore. Quando l’acquisto va a buon fine, il deposito viene accreditato all’acquirente e fa parte del suo acconto.

Un acconto o un’equità, invece, può essere considerato come un primo pagamento sull’immobile stesso. Viene dato quando l’acquirente ha deciso di acquistare effettivamente la casa (a differenza del deposito, dove viene dato quando l’acquirente indica la volontà di acquistare l’unità). L’acconto è l’importo totale di denaro che un acquirente può dare come pagamento parziale ed è generalmente di valore maggiore (10% del costo totale della proprietà o più) rispetto ai depositi regolari.

È abbastanza facile differenziare. Ricorda solo che un deposito è più piccolo e, una volta che la transazione va a buon fine, diventa parte dell’acconto. Il totale di questi due, più l’eventuale saldo residuo, dovrebbe essere il prezzo di acquisto concordato della proprietà.

Leave a Comment

Your email address will not be published.