E-newsletter, i migliori e peggiori strumenti di marketing su Internet

Ho trovato questo post di marketing su Internet pertinente su Search Engine Watch per quanto riguarda gli strumenti e le tecniche di marketing su Internet digitali più efficaci e meno efficaci. In cima alla lista, gli elenchi di ricerca a pagamento, ma le newsletter elettroniche interne (mirate a un elenco di e-mail coltivate in casa) sono arrivate al secondo posto.

Scopri perché le newsletter elettroniche sono sia i migliori che i peggiori strumenti di marketing su Internet. Inoltre, scopri come configurare e ottenere il massimo dalla tua enewsletter.

Le migliori tattiche “con le peggiori prestazioni” nominate sono state le liste di posta elettronica in affitto, al 56 percento, seguite da pop-up al 45 percento e gli annunci di newsletter via e-mail al 42 percento.

Come molti di voi probabilmente già sanno, amiamo le newsletter elettroniche. Il marketing di riferimento e il branding sono uno dei modi più importanti e di successo per portare nuovi affari. Al contrario di un lead da Internet o di una risposta da uno spot radiofonico, è più probabile che i referral si convertano perché ti conoscono già, si fidano già di te perché il loro amico o collega ha già garantito la tua azienda o i tuoi servizi. I referral vengono pre-venduti. Le e-newsletter sono un perfetto veicolo di marketing interno (cliente), che ti consente di stare di fronte ai tuoi clienti in modo conveniente, nonché uno strumento facilmente inoltrabile per il marketing di riferimento.

Tuttavia, una cosa su cui siamo irremovibili, per quanto riguarda le newsletter, è creare la tua lista.

Le liste acquistate sono pessime.

Non ho mai cercato attivamente un listino da commercializzare quindi non posso commentare il prezzo di questi listini, ma una cosa è certa anche un listino gratuito, costa troppo.

anche un gratuito [purchased] lista, costa troppo

Oltre a costarti denaro, gli elenchi non sono mirati e potrebbero contrassegnare la tua email come spam. Basta segnalazioni di spam e tu e la tua società di hosting o provider di posta elettronica potete finire nei guai, finendo in una lista nera incapace di inviare e-mail. Poiché lo spam diventa sempre più un problema e le caselle di posta continuano a riempirsi, le persone stanno diventando sempre meno tolleranti nei confronti di ciò che contrassegneranno come spam.

Inoltre, anche se il tuo elenco è mirato (con indirizzi di aziende e privati ​​interessati a ciò che hai da offrire), NON DEVONO essere contattati se il tuo pubblico non ha mai sentito parlare di te, non si è mai occupato di te o non si è mai registrato attivamente e consapevolmente. Contatta solo persone e aziende con cui hai incontrato, parlato o con cui sei affiliato e con cui hai una relazione attiva.

Quindi, come fai crescere le tue liste?

Un’altra domanda viene spesso posta ID univoco: come faccio a far crescere la mia lista? Ci sono diversi modi in cui puoi far crescere la tua lista; la velocità con cui cresce è proporzionale al ruolo che consenti all’e-mail di svolgere nelle tue attività di marketing e alla quantità di tempo e impegno che ci dedichi.

Ma, prima di porre questa domanda (come faccio a far crescere la mia lista) e prima di rispondere, esorto te e la tua azienda a iniziare!

Vai a Constant Contact o una piattaforma di posta elettronica simile e crea un account. Aggiungi un piccolo elenco di email e inizia a creare contenuti per il tuo pubblico. La verità è che anche un ampio elenco di conoscenti mirati non porterà a nulla se tu o la tua azienda non siete in grado di creare un’e-mail con contenuti utili pertinenti e inviarla costantemente al vostro pubblico. Vai avanti, clicca sul link, crea un account, crea una email, importa alcuni indirizzi… Ti do qualche minuto.

Ora che hai creato il tuo account e sai che puoi attenerti a un programma di generazione di newsletter di qualità, dove puoi trovare alcuni indirizzi e-mail?

Ecco i nostri suggerimenti tipici su come creare e far crescere immediatamente la tua mailing list:

  • Esegui un’esportazione dal tuo client di posta elettronica (Outlook) e da tutti i computer dei tuoi dipendenti
  • Esegui un’esportazione dal tuo CRM, particolarmente utile per ordinare gli elenchi
  • Vai agli eventi di networking e chiedi a tutti quelli che incontri, se vogliono essere aggiunti alla tua mailing list, un numero sorprendente (quasi sempre il 100% risponderà di sì), e poi subito quando torni a casa aggiungili alla tua lista
  • Crea una sorta di estrazione di premi gratuiti speciali in occasione di un evento di networking o di un seminario. Gli uomini d’affari che ti forniscono il tuo biglietto da visita e accettano di ricevere e-newsletter possono partecipare per vincere un tuo campione, premio o servizio gratuito

Cose da tenere a mente:

Scopri quali sono le tue priorità e organizza la tua lista dall’inizio. È un dolore nel culo e ci vorrà del tempo a seconda di quanti elenchi sono appropriati per la tua attività o per le tue attività di marketing e per il tuo sito di elenchi, ma organizza l’elenco dall’inizio.

C’è una possibilità che potresti voler vendere solo ai clienti con i capelli castani a cui manca l’alluce sinistro?

Sai di avere una soluzione per queste persone mirate!

Quindi crea un elenco per esso e assicurati di attenersi ad esso. Spesso gli account dei clienti hanno tutte le email in un account o hanno confuso dozzine di elenchi semi-mirati insieme, ma hanno dimenticato quale elenco è per quale scopo. Organizza te stesso e la tua lista dall’inizio per una soluzione di newsletter più efficace ed efficace.

Leave a Comment

Your email address will not be published.