Gestione e contabilità finanziaria

La contabilità è generalmente vista come composta da due filoni distinti, gestione e contabilità finanziaria. Contabilità di gestione, che cerca di soddisfare le esigenze dei gestori e Contabilità finanziaria, che cerca di soddisfare le esigenze di contabilità di tutti gli altri utenti. Le differenze tra i due tipi di contabilità riflettono i diversi gruppi di utenti a cui si rivolgono. In breve, le differenze principali sono le seguenti:

  • Natura delle relazioni prodotte. I rapporti di contabilità finanziaria tendono ad essere di uso generale. Cioè, contengono informazioni finanziarie che saranno utili per un’ampia gamma di utenti e decisioni piuttosto che essere specificamente progettate per le esigenze di un particolare gruppo o insieme di decisioni. I rapporti di contabilità di gestione, d’altra parte, sono spesso per uno scopo specifico. Sono progettati con una decisione particolare in mente o per un manager particolare.
  • Livello di dettaglio. I rapporti finanziari forniscono agli utenti un’ampia panoramica delle prestazioni e della posizione dell’azienda per un periodo. Di conseguenza, le informazioni vengono aggregate e spesso i dettagli vengono persi. I rapporti di contabilità di gestione, tuttavia, spesso forniscono ai gestori dettagli considerevoli per aiutarli in una particolare decisione operativa.
  • Regolamenti. I rapporti finanziari, per molte aziende, sono soggetti a normative contabili che cercano di garantire che siano prodotti con contenuti standard e in un formato standard. I regolatori legali e contabili impongono questi regolamenti. Dal momento che i report di contabilità di gestione sono solo per uso interno, non ci sono regolamenti da fonti esterne in merito alla forma e al contenuto dei report. Possono essere progettati per soddisfare le esigenze di gestori particolari.
  • Intervallo di segnalazione. Per la maggior parte delle aziende, i rapporti di contabilità finanziaria vengono prodotti su base annuale, sebbene molte grandi aziende producano rapporti semestrali e alcuni ne producano rapporti trimestrali. I rapporti contabili di gestione possono essere prodotti con la frequenza richiesta dai gestori. In molte aziende, ai manager vengono forniti determinati report su base mensile, settimanale o addirittura giornaliera, che consentono loro di controllare frequentemente i progressi. Inoltre, quando richiesto, verranno redatte relazioni specifiche (ad esempio per valutare una proposta di acquisto di un macchinario).
  • Orizzonte temporale. I rapporti finanziari riflettono la performance e la posizione dell’azienda nell’ultimo periodo. In sostanza, guardano indietro. I rapporti di contabilità di gestione, d’altra parte, spesso forniscono informazioni relative alle prestazioni future e alle prestazioni passate. È una semplificazione eccessiva, tuttavia, suggerire che i rapporti di contabilità finanziaria non incorporano mai aspettative riguardanti il ​​futuro. Occasionalmente, le aziende rilasceranno le informazioni proiettate ad altri utenti nel tentativo di raccogliere capitali o combattere offerte pubbliche di acquisto indesiderate.
  • Gamma e qualità delle informazioni. I rapporti di contabilità finanziaria si concentrano su informazioni che possono essere quantificate in termini monetari. Anche la contabilità di gestione produce tali rapporti, ma è anche più probabile che produca rapporti che contengono informazioni di natura non finanziaria come misure delle quantità fisiche delle scorte (scorte) e della produzione. La contabilità finanziaria pone maggiore enfasi sull’uso di prove oggettive e verificabili nella preparazione dei rapporti. I rapporti di contabilità di gestione possono utilizzare informazioni meno oggettive e verificabili, ma forniscono ai gestori le informazioni di cui hanno bisogno.

Possiamo vedere da ciò che la contabilità di gestione è meno vincolata della contabilità finanziaria. Può attingere a una varietà di fonti e utilizzare informazioni con vari gradi di affidabilità. L’unico vero test da applicare nella valutazione del valore delle informazioni prodotte per i manager è se esse migliorino o meno la qualità delle decisioni prese.

La distinzione tra le due aree riflette, in una certa misura, le differenze nell’accesso alle informazioni finanziarie. I gestori hanno molto più controllo sulla forma e sul contenuto delle informazioni che ricevono. Gli altri utenti devono fare affidamento su ciò che i gestori sono disposti a fornire o su ciò che le normative in materia di rendicontazione finanziaria stabiliscono che devono essere fornite. Sebbene la portata dei rapporti di contabilità finanziaria sia aumentata nel tempo, i timori relativi alla perdita di vantaggio competitivo e l’ignoranza degli utenti in merito all’affidabilità dei dati previsionali hanno portato le aziende a resistere al fornire ad altri utenti le informazioni dettagliate e ad ampio raggio a disposizione dei gestori.

Leave a Comment

Your email address will not be published.