I motivi per cui l’agricoltura è importante

Perché l’agricoltura è importante? Il concetto di “sicurezza alimentare” è di fondamentale importanza e, per questo motivo, l’agricoltura è importante. Il compito di nutrire la sua gente è stata forse la prima priorità dei suoi governanti nel corso della storia. In quanto tale, l’agricoltura è considerata da tempi immemorabili la base stessa della stabilità politica e sociale di una nazione.

Inoltre, il settore agricolo svolge un ruolo importante nella sfera dell’offerta di lavoro su larga scala alle persone. Le fattorie grandi e moderatamente grandi impiegano lavoratori per svolgere i vari lavori relativi alla coltivazione dei raccolti e alla cura degli animali da allevamento. Nella maggior parte dei paesi del mondo, l’agricoltura rimane ancora il principale settore responsabile dell’occupazione e dell’alimentazione di un’ampia percentuale della popolazione.

L’agricoltura è importante anche dal punto di vista della valutazione del livello di sviluppo di un paese, basato sulla competenza dei suoi agricoltori. Gli agricoltori scarsamente formati non possono applicare i metodi avanzati e le nuove tecnologie. L’importanza della scienza e della tecnologia nello sviluppo dell’agricoltura è abbastanza chiara dalle parole di Deng Xiaoping –

Lo sviluppo dell’agricoltura dipende in primo luogo dalla politica e in secondo luogo dalla scienza. Non vi è alcun limite agli sviluppi della scienza e della tecnologia, né al ruolo che possono svolgere nel campo della crescita agricola».

Sebbene l’agricoltura svolga spesso un ruolo determinante nel “prodotto interno lordo” – PIL – della maggior parte dei paesi, richiede tuttavia un notevole impulso sia dalla comunità locale che da quella internazionale.

L’agricoltura è tradizionalmente basata sulla produzione all’ingrosso. La raccolta viene effettuata una volta a stagione, il più delle volte, e immagazzinata e utilizzata in seguito. In effetti, alcuni pensatori ritengono che le persone abbiano iniziato ad adottare la “lavorazione in lotti” e lo “stoccaggio” nella produzione, come risultato delle pratiche del pensiero agricolo. Prima dell’industrializzazione, le persone con le maggiori scorte di cibo e altre forniture erano considerate più stabili e potevano affrontare le sfide della natura senza dover morire di fame.

Il ruolo dell’agricoltura è così importante che nuovi concetti continuano a “affiorare” per dare una svolta moderna all’attività tradizionale. Uno di questi nuovi concetti di cui il mondo è entusiasta in questi giorni è l’importanza dell'”agricoltura biologica”. Ci sono prove che, oltre ai loro numerosi altri vantaggi, le aziende agricole biologiche sono più sostenibili e rispettose dell’ambiente, dando all’agricoltura una nuova dimensione.

L’importanza delle pratiche agricole è stata ulteriormente consolidata quando il “cibo biologico” è iniziato come un piccolo movimento decenni fa, con giardinieri e agricoltori che rifiutavano l’uso di pratiche non biologiche convenzionali. Con la crescita del mercato degli alimenti biologici che sta superando gran parte dell’industria alimentare, molte grandi aziende si sono avventurate in esso. Con l’emergere delle multinazionali, e con la creazione di un quadro di certificazione legale come la Soil Association, ci sono dubbi sul fatto che la definizione stessa di cibo biologico cambierà, rendendolo più che mai un’attività commerciale!

In effetti, l’agricoltura moderna ha subito un cambiamento epocale già dai tempi antichi. Oggi l’importanza dell’agricoltura sta nel fatto che è praticata sia per motivi di sussistenza che commerciali!

Leave a Comment

Your email address will not be published.