I primi cinque errori di raccolta fondi aziendali da evitare

Le organizzazioni non profit hanno poco margine di errore quando sviluppano relazioni con i partner aziendali. Le aziende sono entusiaste della loro reputazione e del rapporto qualità-prezzo.

Pertanto, prima di impegnarsi con la tua organizzazione per una partnership per le loro esigenze di CSR, le aziende devono comprendere l’interesse personale illuminato dell’intero programma. L’interesse personale illuminato è il vantaggio ricevuto in natura da un marchio dopo essersi impegnato in attività di beneficenza.

Ecco alcuni degli errori chiave da evitare durante la raccolta fondi se vuoi sviluppare un rapporto di lavoro con un’organizzazione aziendale.

Lassismo nella coltivazione

Nelle mie conversazioni con persone che non hanno familiarità con la raccolta fondi, mi sono reso conto che la maggior parte pensa che sia solo una questione di registrare l’organizzazione e i ricchi donatori, e le aziende ti cercheranno. Non fare questo presupposto, non importa quanto sia cresciuta la tua organizzazione. Parti per interagire con i potenziali donatori. Quando si raccoglie fondi nel mondo aziendale, ciò potrebbe richiedere più aggressività a causa della burocrazia e della rigidità. Di conseguenza, solo perché hai una buona causa, non significa che i donatori ti distribuiranno denaro. Devi convincere e dimostrare che anche loro devono essere parte del progetto e come si adatta al loro profilo.

Disperazione

Nonostante le caratteristiche meticolose della relazione, non lasciare che questi severi requisiti non portino alla tua perdita di controllo sul progetto. Ricorda che il messaggio di raccolta fondi è una tua prerogativa mentre i marchi lo impongono per rafforzare il messaggio.

Ricerca superficiale

Il tuo livello di ricerca si mostra nel tipo di conoscenza che mostri sull’argomento in discussione. La ricerca è condotta non solo sul problema e sulla soluzione, ma deve esaminare i profili degli stakeholder. Per una raccolta fondi, la due diligence sul donatore a cui ti stai avvicinando dovrebbe essere condotta per determinare i suoi interessi. Tali dettagli potrebbero aiutarti a portare avanti la tua causa con successo. Non sarebbe disastroso da parte tua avvicinare un amante dei cani per finanziare il progetto dei tuoi gatti?

Nessun feedback, scarsa comunicazione

Abbiamo già sottolineato che il mandato del brand è rafforzare il messaggio della causa. Ciò non significa che il marchio non possa far parte di altre attività. Come raccolta fondi, è nel mio interesse assicurarmi di coinvolgere i rappresentanti del marchio nell’intero processo. Anche il feedback sull’impatto del loro contributo è fondamentale. Inoltre, sii grato per i loro contributi e GRAZIE per aver fatto parte del progetto. Crea una migliore possibilità di riattivare questa relazione e mantenere il marchio come donatore per progetti futuri/altri.

Richiesta vuota

Mi sentirei a disagio se ti rivolgessi a me per aiutarti senza che tu specifichi dove sarà necessario il mio contributo. Quindi non andare alla raccolta fondi perché è per una “buona causa”. Raccolta fondi no profit da parte di aziende con richieste specifiche. Ad esempio, non mi auguro che l’amministratore delegato di un’azienda diventi automaticamente il principale dono senza chiedergli di diventarlo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *