Illuminazione di transizione: che cos’è?

Chiunque consulti i siti Web alla ricerca di apparecchi di illuminazione con cui decorare le proprie case potrebbe essere tentato di scegliere uno stile noto come illuminazione di transizione. Le curve morbide e le solide fondamenta degli apparecchi in stile Transitional Lighting ne fanno una scelta popolare tra i designer di oggi. Ma per chiunque cerchi di definire effettivamente l’illuminazione di transizione per un amico potrebbe essere sorpreso di scoprire che ci sono poche parole per descrivere questo stile sfuggente.

Parte del problema con la descrizione o la definizione dello stile di illuminazione di transizione è che è una miscela di diversi stili. Combinando le linee morbide e fluide dello stile contemporaneo con gli ornamenti dello stile classico, Transitional Lighting è un bambino senza un pedigree chiaramente definito. In quanto stile a sé stante, l’industria dell’interior design non riconosce l’illuminazione di transizione come uno stile separato. L’illuminazione di transizione sembra essere più un “termine commerciale” che li aiuta a chiarire la classe di apparecchi di illuminazione che non sono del tutto tradizionali ma nemmeno contemporanei. Pertanto, per chiunque cerchi in rete informazioni sull’illuminazione di transizione si imbatterà in una delle due possibilità:

1) si imbatteranno in una miriade di siti che cercano di venderti apparecchi di illuminazione di transizione senza mai spiegare davvero le caratteristiche di design dello stile stesso, oppure

2) impareranno che l’illuminazione di transizione si riferisce a un lento ma progressivo aumento o diminuzione dell’illuminazione tra un luogo e l’altro che riduce l’abbagliamento.

Nessuno di questi risultati di ricerca ti avvicina alla comprensione della natura dell’illuminazione di transizione. Un’attenta ispezione dei siti Web dedicati all’architettura e all’interior design rivela che questi siti non riconoscono veramente lo stile dell’illuminazione di transizione in sé e per sé. Qualsiasi stile che fonde diversi aspetti di stili separati viene genericamente denominato “Transizionale”. Pertanto, ciò che potrebbe essere considerato un’illuminazione di transizione da una persona non lo sarebbe necessariamente da un’altra. Questo fatto è dimostrato quando si osservano i vari produttori e rivenditori e si vede l’ampia varietà di apparecchi di illuminazione di transizione tra cui scegliere. Chiaramente, la categoria stessa è diventata una sorta di “catch-all” per descrivere e vendere apparecchi che non si adattano convenientemente a nessuno stile formale di design.

Quello che si può dire dell’illuminazione di transizione in senso formale è che viene generalmente definito uno stile “femminile” a causa delle linee morbide che caratterizzano la maggior parte degli apparecchi di questa varietà. La base quadrata dello stile è stata presa in prestito dallo stile Mission Lighting e aiuta a differenziare gli apparecchi di illuminazione di transizione da quelli dello stile contemporaneo. Coloro che desiderano una “atmosfera confortevole” nelle loro case in genere scelgono lo stile di transizione in quanto ha un’atmosfera più calda rispetto allo stile contemporaneo ma non così formale come lo stile classico o tradizionale.

L’illuminazione di transizione è davvero difficile da definire davvero, ma la sua sintesi tra l’eleganza dell’antico e la sterilità del contemporaneo la rende uno stile funzionale ma creativo da scegliere per arredare la propria casa.

Leave a Comment

Your email address will not be published.