In che modo il pensiero critico è utile per il servizio clienti?

Il pensiero critico dovrebbe diventare un prerequisito per l’assunzione di nuovo personale del servizio clienti. Il servizio clienti oggi non significa più solo essere in grado di sorridere e assistere i clienti come e quando richiesto, ma anche raggiungerli nel modo più creativo, significativo e di impatto possibile. Naturalmente, tali azioni flessibili a condizione che il personale sia in grado di applicare il pensiero critico nel proprio lavoro quotidiano. Il pensiero creativo che si traduce in una migliore esperienza del cliente dovrebbe essere incoraggiato a condizione che aderiscano al quadro operativo stabilito e all’autorità stabilita dall’Organizzazione.

Sono finiti tutti quei giorni in cui le organizzazioni vedono semplicemente il loro servizio clienti come un semplice adempimento delle transazioni dei clienti e nient’altro. Non sono addestrati per essere personali e creativi nel loro approccio. In passato, il personale del servizio clienti doveva semplicemente imparare a sorridere, eseguire transazioni e sapere come portare una situazione imprevedibile al livello successivo da gestire. Di conseguenza, le posizioni del Servizio Clienti sono spesso occupate da personale scarsamente qualificato con adeguate capacità di parlare.

I clienti oggi non agiscono più solo in modo puramente oggettivo e razionale man mano che diventano più esigenti. Per convincere questi clienti a rimanere con te o ad acquistare di più da te, devi formare il tuo personale sul pensiero critico. Devi addestrarli a mettersi nei panni del cliente. I clienti non cercano più solo un affare, ma anche una soddisfazione interiore dall’acquisto da te.

Allora, cos’è veramente il pensiero critico? Il pensiero critico include una complessa combinazione di abilità e possono includere quanto segue: –

(1) Pensiero razionale

Capacità di fare affidamento sulla ragione piuttosto che sulle emozioni, richiedere prove, ignorare nessuna prova nota e seguire le prove dove portano, e sono più interessati a trovare la migliore spiegazione che ad avere ragione nell’analizzare l’apparente confusione e porre domande. Solo il giusto livello di pensiero critico può aiutare il tuo personale a comprendere e anticipare meglio i bisogni.

(2) Consapevolezza di sé

Capacità di valutare le influenze di motivazioni e pregiudizi e riconoscere le nostre ipotesi, pregiudizi, pregiudizi o punti di vista. Ancora una volta, il pensiero creativo è fondamentale per sviluppare tale autocoscienza per gestire meglio le richieste dei clienti.

(3) Sincerità e Onestà

Capacità di riconoscere impulsi emotivi, motivazioni egoistiche, scopi nefasti o altre modalità di autoinganno. ci saranno sempre persone sincere e disoneste in giro. Il pensiero creativo può aiutare il personale ad applicare meglio il proprio giudizio quando si tratta di tali clienti e non solo seguendo le procedure stabilite dalla Società.

(4) Apertura mentale

Capacità di valutare tutte le inferenze ragionevoli considerare una varietà di possibili punti di vista o prospettive, rimanere aperti a interpretazioni alternative accettare una nuova spiegazione, modello o paradigma perché spiega meglio le prove, è più semplice o presenta meno incongruenze o copre più dati accettare nuove priorità in risposta a una rivalutazione delle prove o una rivalutazione dei nostri reali interessi, e non respingere le opinioni impopolari a priori.

(5) Disciplina

Capacità di essere precisi, meticolosi, completi ed esaurienti, resistere a manipolazioni e appelli irrazionali ed evitare giudizi affrettati.

(6) Non giudicante

Capacità di riconoscere la rilevanza e/o il merito di ipotesi e prospettive alternative e il peso dell’evidenza.

Sottoponi il personale del servizio clienti a un test di valutazione del pensiero critico per migliorare gli aspetti del pensiero critico del loro lavoro. Valutazioni regolari contribuiranno notevolmente a migliorare le capacità di ragionamento del personale di fronte a diverse situazioni lavorative. Ci sono molti campioni che puoi provare gratuitamente per valutare il tipo di test di valutazione del pensiero critico più appropriato per la tua organizzazione.

In conclusione, i pensatori critici sono per natura scettici e non accettano le cose come sono. Si avvicinano a testi, immagini o video con lo stesso scetticismo e sospetto con cui si avvicinano ai commenti verbali. I pensatori critici sono attivi, non passivi e cercano costantemente le variabili che faranno la differenza per i loro obiettivi. Fanno domande e analizzano costantemente. Applicano consapevolmente tattiche e strategie per scoprire il significato o assicurare la loro comprensione. I pensatori critici non hanno una visione egoistica del mondo, ma lasciano invece danzare con i loro oggetti. Sono aperti a nuove idee e prospettive. Sono disposti a sfidare le loro convinzioni fintanto che ci sono prove contrastanti. Il pensiero critico ci consente di riconoscere un’ampia gamma di analisi soggettive di dati altrimenti oggettivi e di valutare quanto bene ogni analisi potrebbe soddisfare le nostre esigenze. I fatti possono essere fatti, ma il modo in cui li interpretiamo può variare.

Leave a Comment

Your email address will not be published.