India: la terra dell’unità nella diversità

L’India è la più grande democrazia del mondo, con una civiltà di oltre cinquemila anni è orgogliosa di molteplici origini culturali. Queste origini culturali del subcontinente indiano possono essere fatte risalire alle civiltà della valle dell’Indo, i cui resti sono rispettati ancora oggi.

Dalla fine del sedicesimo secolo, l’India è stata sotto l’influenza dell’Impero Britannico fino al 15 agosto 1947, giorno in cui l’India ha ottenuto la sua indipendenza Nella nostra lotta per la libertà, persone di diverse comunità hanno partecipato tenendo presente che sono tutti indiani primo. ‘Unity in Diversity’ è stato il tratto distintivo della nostra cultura. Vivere in pace è stato il nostro motto e questo motto ci ha aiutato a raggiungere l’indipendenza.

È stata la tolleranza mostrata dal popolo indiano che la cultura indiana amorfa e flessibile non ha mai perso il suo molo durante il governo dei Moghul così come altri estranei, che hanno portato le proprie tradizioni e hanno cercato di costringerli a questo paese. L’India ha sempre assimilato molto del pensiero di altre culture, arricchendosi e rendendosi così durevole e praticamente indistruttibile.

L’India è una terra di culture, religioni e comunità diverse. C’è un grande assortimento nelle nostre tradizioni, usi, costumi, gusti e costumi. Ogni regione del paese rappresenta costumi e tradizioni diverse. Le religioni, le abitudini, la geografia, i climi, le lingue, gli stili di vita, le culture possono essere diversi, ma ci uniscono comunque in una cornice invisibile di ‘Indianismo’.

L’India connota “Kanchivaram sadi” insieme allo “scialle Pashmina”. L’India non solo connota il clima estremamente caldo dell’India meridionale, ma riflette anche le montagne innevate dell’India settentrionale. Se l’India raffigura il deserto del Rajasthan, allora l’India significa anche il luogo di maggiore piovosità dell’Assam. Ci sono regioni con clima estremo e moderato in India. Ci sono montagne innevate, pianure, altipiani, terreni collinari e zone costiere. Ci sono deserti e luoghi con precipitazioni intense e scarse.

La diversità si trova lì in ogni aspetto dell’India, una terra che racchiude quasi 1.222.559 metri quadrati di terra ed è anche la casa di oltre un miliardo di persone. La vera forza della cultura indiana risiede nell’unità di base, nel vigore e nella capacità di contenere in sé una sorprendente diversità. L’India non sarà l’India se non per questa diversità e varietà.

Gli indiani seguono diverse religioni, culture e caste. Seguono tradizioni, costumi diversi e parlano lingue diverse. Differiscono anche nell’abbigliamento e nel cibo, nonostante tante differenze; le persone hanno un sentimento di unità e sono legate dal patrimonio culturale comune insieme alla condivisione dei valori umani fondamentali. Ogni volta che gli indiani vanno all’estero, si chiamano orgogliosamente indiani e sono conosciuti come indiani.

Il popolo indiano è unito con un patrimonio culturale diffuso e ha un sentimento di unità nonostante abbia differenze esterne. Sin dai tempi antichi si è visto che l’India è divisa in varie caste, credo, religioni e regioni, ma anche in questo caso sono unite come un’intera nazione. È un insieme di una nazione con una popolazione enorme e rimarrà unita in qualunque circostanza si trovino. In passato, niente li ha fatti a pezzi.

Tuttavia, l’intolleranza e la chiusura mentale possono indebolire l’unità nazionale. Dovremmo quindi creare uno stato di cose in cui le persone dovrebbero diventare consapevoli della somiglianza che li rende indiani piuttosto che delle differenze che li differenziano dagli altri. Le persone devono essere incoraggiate a sentirsi in testa all’eredità culturale dell’India, ad essere chiamate indiani pur mantenendo le loro caratteristiche divergenti.

L’India è un esempio dal vivo per il mondo per dimostrare loro che hanno “Unità nella diversità”. Questo paese non solo rimane unito durante un’emergenza, ma anche in calamità naturali come inondazioni, carestie e terremoti. Questo paese è diventato piuttosto fonte di ispirazione per i paesi che sono stati pesantemente divisi razzialmente.

Leave a Comment

Your email address will not be published.