Indice NAREIT PureProperty per il monitoraggio dei valori immobiliari commerciali

Ad ogni negoziazione, gli investitori della Borsa di New York valutano il valore di mercato di molti fondi di investimento immobiliare (REIT) che detengono proprietà commerciali. I valori di mercato azionario di tali REIT derivano dalla loro proprietà di proprietà immobiliari commerciali: e-mail commerciali, centri di vendita al dettaglio, centri industriali e altri.

La maggior parte di queste proprietà, comprese molte simili di proprietà di società immobiliari private, non sono in vendita. E non vengono messi in vendita molto spesso. Pertanto, è difficile valutare i loro valori di mercato sulla base delle recenti vendite di immobili comparabili, come avviene normalmente con le case residenziali.

L’indice NAREIT PureProperty utilizza i dati sulle proprietà immobiliari REIT e i loro dati finanziari per stimare i rendimenti delle proprietà sottostanti. Possono organizzare questi dati per tipo e posizione delle proprietà.

Pertanto, se hai bisogno, ad esempio, di una stima di un edificio per uffici nel Midwest, il PureProperty Index potrebbe sommare i valori stimati di tutti gli edifici per uffici nel Midwest di proprietà di tutti i fondi di investimento immobiliare quotati.

Fino all’arrivo di questo indice, c’erano tre indici immobiliari commerciali: Il National Council of Real Estate Investment Fiduciaries (NCREIF) pubblica l’NCREIF Property Index (NPI). Questo mostra i dati di un pool di immobili commerciali di proprietà di fondi pensione, per lo più utilizzando perizie immobiliari.

Il MIT ha un indice immobiliare chiamato Transactions-Based Index (TBI) of Institutional Commercial Property Investment Performance. Questo utilizza i dati NCREIF effettivi delle transazioni effettive.

Il terzo è il REAL Commercial Property Price Index (CPPI) di Moody’s, che tiene traccia delle variazioni di prezzo di andata e ritorno realizzate per la stessa proprietà. Cioè, tracciare la stessa proprietà sia acquistata che venduta. Si basa anche su transazioni reali.

Le transazioni reali rappresentano denaro reale che passa di mano, ma il mercato è molto illiquido. Inoltre, gli indici sono indietro rispetto ai periodi di tempo che tracciano. Inoltre, le transazioni del mercato privato spesso comportano complessi pacchetti di commissioni che oscurano il vero valore di mercato della proprietà stessa.

Il MIT ha sviluppato 16 modelli basati sull’intero PureProperty Index. Questi possono essere utilizzati per creare prodotti di investimento derivati. Ciò potrebbe incoraggiare gli investitori a utilizzare questi derivati ​​per investire in proprietà commerciali. Ancora più importante, le istituzioni finanziarie potrebbero creare strumenti di copertura.

Leave a Comment

Your email address will not be published.