Le 5 cose più importanti da sapere quando scrivi il tuo curriculum

Il dizionario Merriam-Webster definisce un curriculum come un breve resoconto della propria carriera e delle qualifiche preparate tipicamente da un candidato per una posizione.

La realtà è che quando crei il tuo curriculum, sei come un artista/pittore. La tua penna è il pennello e la carta è la tua tela. Crea un capolavoro e si venderà! Dipingi un disastro e il tuo curriculum ti abuserà di te.

Lo scopo principale di un curriculum insieme alla lettera di presentazione di accompagnamento è quello di farti ottenere l’intervista, pura e semplice.

Il modo per raggiungere questo obiettivo è mostrare i tuoi punti di forza e risultati e ridurre al minimo le tue debolezze (le abbiamo tutti). Se scrivi correttamente il tuo curriculum, i punti di forza appariranno più forti e i punti deboli saranno meno visibili.

Ricorda, ora non è il momento di essere modesti: se non dici al responsabile delle assunzioni quanto sei bravo e cosa puoi fare per la sua azienda, nessun altro lo farà.

Hai circa 5-10 secondi al massimo per attirare l’attenzione della persona che legge il tuo curriculum per la prima volta, quindi le tue abilità e abilità devono essere viste velocemente ed essere pertinenti.

Di seguito sono elencati i modi in cui il tuo curriculum dovrebbe essere utilizzato.

A cosa serve un curriculum?

– Il tuo curriculum organizza la tua carriera selezionando e presentando eventi specifici in modo chiaro e conciso.

– Ti costringe a fare un inventario dei tuoi risultati: più capisci di te stesso, più diventi capace di spiegarti agli altri.

– Un curriculum dovrebbe stimolare l’interesse del datore di lavoro a conoscerti.

– I buoni curriculum dicono all’azienda che trarrebbero vantaggio dal chiamarti per un colloquio personale.

La linea di fondo, tuttavia, è che l’UNICO scopo è farti ottenere un colloquio.

Quando il responsabile delle assunzioni legge per la prima volta il curriculum, dovrebbe:

– fai in modo che il lettore voglia saperne di più – una presa in giro.

– comunica rapidamente come e perché sei migliore del resto dei candidati nella pila di curriculum che hanno.

– digli cosa hai fatto e quanto bene lo hai fatto.

– dimostrare di essere qualificato in modo univoco per risolvere il problema del datore di lavoro.

Al colloquio il curriculum:

– è una base su cui avviare una discussione.

– funge da ordine del giorno per una discussione, il che significa che hai predeterminato la struttura del colloquio.

– agisce come un leave behind.

Dopo l’intervista:

– La persona o le persone che ti intervistano possono utilizzare il tuo curriculum per rafforzare il proprio caso nei confronti degli altri membri del team.

– Il curriculum funge da panoramica per gli altri nell’organizzazione.

Visualizza il tuo curriculum attraverso gli occhi del responsabile delle assunzioni:

– Un curriculum riflette la tua immagine; tutto ciò che non ti aiuta a ottenere un colloquio non dovrebbe essere nel curriculum.

– Visualizza un curriculum come tuo annuncio personale.

– Il passato è rilevante solo nella misura in cui mostra il tuo potenziale per il futuro.

– In caso di dubbio, lascia perdere!

Un buon curriculum:

– concentrati su quelle abilità e abilità che hai che sono più rilevanti e importanti per il lavoro che stai cercando.

– si concentra sui tuoi risultati e risultati non solo sulle responsabilità che avevi in ​​ogni lavoro.

– rivela i risultati delle tue conquiste.

– dovrebbe proiettare la tua carriera come una serie di successi progressivi.

– deve essere a corto di parole e lungo con i fatti.

– è accattivante e visivamente invitante.

Ricorda solo che i tuoi risultati e risultati passati sono rilevanti solo in quanto si riferiscono a ciò che puoi fare ora per la società di assunzione. Non importa quanto sei stato bravo in un’azienda precedente, per la società di assunzione, si tratta di cosa puoi fare per loro.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *