Nozioni di base sulla contabilità – L’essenza del principio della partita doppia

Lo scopo di questo articolo è di aiutarvi a comprendere una delle basi contabili, ovvero il principio della partita doppia, che viene applicato allo scopo di registrare le transazioni commerciali nei libri contabili dell’entità. La contabilità in partita doppia è un metodo in cui ogni transazione è registrata in due conti separati, cioè in un conto come debito e nell’altro conto come credito. In altre parole, in principio di partita doppia, ogni transazione che ha un valore aggiunto al conto delle attività ha anche un valore sottratto dal conto delle passività: queste transazioni sono chiamate crediti. Al contrario, ogni transazione che ha un valore aggiunto al conto delle passività ha un valore sottratto dal conto delle attività: queste transazioni sono chiamate debiti.

Il principio della partita doppia è utilizzato più spesso del principio della partita singola, in cui ogni transazione è registrata in un solo conto. Viene utilizzato più spesso poiché previene molti errori e avvisa tempestivamente l’azienda di possibili errori in modo che possano essere corretti in modo tempestivo. Poiché crediti e debiti dovrebbero essere sempre uguali, cioè secondo l’essenza delle basi contabili deve esserci un’equazione tra debiti e crediti, se c’è mai una discrepanza tra il valore dei crediti e dei debiti, è un avviso all’azienda che si è verificato un errore durante la registrazione della transazione nei libri contabili dell’azienda. Pertanto, con il principio della contabilità in partita doppia è facile e veloce garantire che i conti siano sempre in pareggio. Anche questo principio è utile per registrare le transazioni separatamente e presentare dati corretti e accurati ai propri utenti ai fini del processo decisionale relativo all’entità.

Esempio 1

Si consideri il seguente esempio del principio della doppia entrata. Cut to the Chase, un parrucchiere, acquista le spazzole per capelli all’ingrosso una volta ogni trimestre, l’acquisto viene effettuato a credito, ovvero il pagamento in contanti per l’acquisto effettuato viene effettuato più tardi dopo l’acquisto. La maggior parte dei pennelli costa $ 250. Quindi, ogni trimestre il contabile di Cut to the Chase effettua una voce di $ 250 nel conto delle passività (aggiungendo al valore delle passività) e una voce di $ 250 nel conto delle attività (che si aggiunge al valore delle attività). Di seguito puoi vedere come appaiono le voci:

D Inventario (attività) $ 250

C Contabilità fornitori (Passività) $ 250

Esempio 2

Il prossimo esempio è l’utilizzo delle spazzole acquisite nelle attività del parrucchiere Cut to the Chase. Si supponga che durante il trimestre successivo l’azienda abbia utilizzato tutte le spazzole acquisite nelle sue attività, ovvero che siano state sostenute spese di $ 250 e che le attività siano diminuite di $ 250. Il contabile registrerà una voce di $ 250 nel conto attività come credito e una voce di $ 250 nel conto capitale come debito, cioè spese come diminuzione del capitale proprio. Di seguito puoi vedere come appaiono le voci:

D Spese (azioni) $ 250

Inventario C (Attività) $ 250

Come mostrano questi esempi, il principio della partita doppia è che per ogni registrazione effettuata in un conto (cioè passività o patrimonio netto), deve essere effettuata una registrazione opposta per lo stesso importo della registrazione originale nell’altro conto (cioè attività) .

Leave a Comment

Your email address will not be published.