Oggi l’educazione americana viene reinventata

Oggi l’educazione americana viene reinventata. I presupposti che ne hanno governato le strutture ei rapporti di potere per più di un secolo vengono sostituiti. Questa reinvenzione sta generando ogni sorta di nuovi approcci alle scuole e disposizioni ibride che offuscano il confine che ha a lungo separato le scuole pubbliche e private. Ad esempio, le migliori di quelle che sono state chiamate scuole charter possiedono elementi dei sistemi pubblici e privati ​​di oggi. Inoltre, questo nuovo modello non è sfrenato, laissez-faire e libero mercato. Il pubblico mantiene il suo interesse nell’erogazione di servizi educativi pagati con fondi pubblici. Le autorità pubbliche continuano a fissare standard per il rendimento scolastico, in particolare gli standard di rendimento degli studenti, di tutte le scuole che ricevono fondi pubblici ea monitorare se tali standard vengono raggiunti.

– Passaggio di potere dai produttori ai consumatori. L’istruzione pubblica è stata a lungo orientata al produttore. I principali beneficiari di questo modello sono la scuola ei suoi dipendenti, non i suoi clienti. Burocrati, esperti e interessi speciali controllano il sistema e prendono decisioni nell’ambito di un monopolio della scuola pubblica.

Nuovi studi mostrano che gli studenti desiderano standard di comportamento e di rendimento più elevati e che quasi sei genitori su dieci con figli nelle scuole pubbliche manderebbero i propri figli in scuole private se potessero permetterselo, cosa che gli analisti interpretano come “un pubblico pronto a fuggire”. .”

– Enfasi sui risultati. Il secondo principio che guida la reinvenzione è il primato di ciò che i bambini imparano e quanto bene lo imparano, non su quali regole seguono le scuole, come sono gestite, le (degne) intenzioni degli educatori o quanto spendono. Gli amministratori dovrebbero monitorare i risultati accademici dell’istruzione, lasciando che le singole scuole decidano come raggiungerli, inclusi calendario annuale, orari giornalieri, disposizioni del personale, raggruppamento degli studenti, decisioni di budget e così via.

– Responsabilità. Le scuole devono stabilire la responsabilità e creare un sistema di valutazione che misuri i risultati. Un sistema di responsabilità inizia con un chiaro insieme di standard o aspettative di apprendimento. Ci sono due tipi di standard. Gli standard di contenuto definiscono le abilità e le conoscenze che gli studenti dovrebbero acquisire nelle varie fasi, cosa dovrebbero sapere e fare. Gli standard di prestazione, a volte chiamati livelli di conseguimento, specificano un livello atteso di competenza, ciò che è sufficientemente buono per passare da una fase all’altra.

Gli studenti dovrebbero essere promossi e laureati solo quando hanno soddisfatto gli standard specifici; le università dovrebbero ammettere gli studenti solo quando soddisfano le norme di ingresso a livello universitario; e i datori di lavoro dovrebbero esaminare le trascrizioni e usarle nelle loro decisioni di assunzione. Allo stesso modo, insegnanti, presidi e altri adulti responsabili dovrebbero essere premiati per il successo, penalizzati per il fallimento e licenziati se loro o le loro scuole non possono portare a termine il lavoro.

– Scelta della scuola. A guidare la reinvenzione dell’istruzione americana c’è anche l’idea che le scuole possono essere diverse l’una dall’altra piuttosto che identiche e che le famiglie dovrebbero essere libere di scegliere tra una varietà di opportunità e contesti educativi. Le scuole dovrebbero adattarsi alle diverse esigenze delle famiglie e dei bambini, non ai burocrati, alle normative statali e locali o ai contratti sindacali. Varie proposte attuali permetterebbero alle scuole non governative e agli scolari domestici di ricevere denaro nell’ambito di piani di scelta: crediti d’imposta, conti di risparmio per l’istruzione K-12 esentasse, borse di studio finanziate pubblicamente (e privatamente) e altri. Poiché questi dollari di borse di studio sarebbero un aiuto per le famiglie, non per le scuole, potrebbero essere utilizzati in qualsiasi scuola pubblica, privata o religiosa legalmente operativa.

– Professionalità. Il modello di reinvenzione sostiene che coloro che lavorano nelle scuole dovrebbero essere trattati come e comportarsi come professionisti. Ciò significa deregolamentare le scuole, liberarle dal controllo burocratico e dalla microgestione e consentire alle singole scuole, educatori e genitori un’ampia libertà decisionale su questioni come carichi e metodi di insegnamento, personale e allocazione delle risorse.

– La stessa professione educativa dovrebbe essere deregolamentata. Il reclutamento di educatori per la scuola pubblica reinventata non dovrebbe essere limitato ai diplomati dei programmi di formazione degli insegnanti o degli amministratori. I sindacati degli insegnanti possono essere un ostacolo a tali riforme, ma anche loro hanno dato segni di speranza.

Questa nuova visione dell’istruzione americana si sta diffondendo rapidamente, ridefinendo l’istruzione pubblica e offuscando il confine tra scuole pubbliche e private. Sta creando un sistema educativo radicalmente nuovo in cui le famiglie scelgono da un continuum di opportunità e progetti di apprendimento, con denaro pubblico che segue il bambino fino alla scuola prescelta. Man mano che le linee si confondono e le scuole private e pubbliche diventano più simili (e diverse dalle scuole di oggi), anche le scuole private cambieranno. La crescente opposizione delle scuole private ai voucher suggerisce che alcuni preferirebbero mantenere la propria indipendenza piuttosto che partecipare a una sfocatura che potrebbe portare un controllo notevolmente maggiore da parte di altri. Gli Stati, tuttavia, hanno già l’autorità di regolamentare le scuole private; è quindi improbabile che la reinvenzione distrugga la loro autonomia. Il nuovo modello consente loro di rimanere “privati” in diversi modi importanti: sono autonomi, liberi dalla maggior parte delle normative, in grado di assumere chi vogliono, hanno il controllo del proprio curriculum e sono seguiti da giovani i cui genitori li scelgono.

Il principio centrale che organizza il programma accademico della maggior parte delle scuole parrocchiali è un curriculum di base per tutti gli studenti, indipendentemente dal background e dai piani educativi futuri. Gli elettivi sono limitati e predominano i corsi obbligatori.

Gli studenti di tutte le origini razziali ed etniche rispondono bene alla sfida. Il curriculum di base mirato di una scuola parrocchiale migliora i risultati degli studenti, in particolare tra gli studenti svantaggiati, e protegge dalle mode accademiche che dilagano nel mondo dell’istruzione con una frequenza così deprimente. Le scuole del futuro richiederanno più corsi accademici di base dei loro studenti, in particolare quelli socialmente ed economicamente svantaggiati.

Una tale struttura richiede una forte organizzazione comunitaria. Gli educatori parrocchiali vedono l’insegnamento come una vocazione, un ministero di servizio. Le scuole promuovono interazioni personali ed esperienze condivise tra coloro che vi lavorano, le frequentano e le supportano. Numerose attività uniscono il personale, gli studenti e i sostenitori, inclusi eventi sportivi, raccolte fondi, raduni, recite scolastiche, raduni di ex alunni, ritiri e varie forme di rituale religioso e preghiera. Dal punto di vista accademico, il curriculum di base svolge questo ruolo unificante. Questi promuovono una comunanza di intenti che sostiene la missione della scuola.

Le scuole parrocchiali sono in genere meno vincolate da burocrazie controllate centralmente rispetto alle scuole pubbliche. Quasi tutte le decisioni importanti vengono prese nella sede della scuola, sotto la guida del preside. Ciò consente a una scuola di sviluppare un carattere distintivo e una sensibilità alle esigenze uniche degli studenti e delle famiglie.

Questa reattività al mercato è moderata dalle convinzioni e dai valori fondamentali che permeano la scuola. L’unica filosofia educativa di una scuola parrocchiale afferma l’esistenza di verità fondamentali e comprende uno speciale rispetto religioso per la dignità di ogni persona e la sacralità della comunità umana. Questa prospettiva determina non solo ciò che gli studenti sanno, ma anche la moralità che seguiranno e la comunità morale creata dalla scuola.

Forse la più grande differenza tra i regni pubblico e privato è questa esplicita educazione morale, sviluppo del carattere e, nelle scuole religiose, istruzione religiosa (sebbene negli ultimi anni le scuole pubbliche siano diventate più consapevoli di questi problemi).

Le scuole charter – (per lo più) scuole pubbliche indipendenti di scelta responsabili dei risultati dell’apprendimento degli studenti – comprendono un serio tentativo da parte del settore pubblico di reinventare l’istruzione lungo queste linee e dare alle scuole pubbliche piena autonomia. Sfortunatamente, non tutte le leggi sulle scuole charter sono uguali: alcune mostrano la facciata della libertà ma non la realtà. I responsabili politici devono resistere alla tentazione di vincolare gli operatori charter con l’attuale rete di statuti statali, regole, accordi collettivi di lavoro e simili.

Come dimostrano le scuole charter, una scuola pubblica sta arrivando a significare qualsiasi scuola disposta ad abbracciare standard elevati, iscrivere studenti senza discriminazioni ed essere responsabile dei suoi risultati, indipendentemente da chi la possiede o la gestisce. Il denaro pubblico segue il bambino in queste scuole e ciò che li unisce è un insieme obbligatorio di risultati accademici confinati in un elenco fondamentale di conoscenze e abilità ampiamente accettate.

Le scuole “pubbliche” americane del futuro non sembreranno, non si sentiranno o agiranno come “governo”. Ma sono chiaramente più grandi dell’individuo o della famiglia. In tal senso, soddisfano la classica definizione di istituzione “mediatrice”, sono, infatti, esempi di ciò che gli analisti contemporanei chiamano “società civile”. Sono istituzioni di volontariato, né obbligatorie né monopolistiche. Sono più sensibili alle loro comunità rispetto alle scuole create da grandi burocrazie pubbliche.

Le scuole, ovviamente, dovrebbero svolgere un ruolo fondamentale in questo processo, ma le scuole pubbliche convenzionali di oggi sono ostacolate da vincoli burocratici contro l’educazione religiosa. Naturalmente, in una società pluralistica è inevitabile che ci siano idee diverse su cosa questo significhi. Sfortunatamente, l’attuale sistema di istruzione pubblica americana non può accogliere una tale varietà. Quindi, se vogliamo rivitalizzare le nostre comunità, se vogliamo ricostruire il capitale sociale delle nostre famiglie e dei nostri quartieri, se vogliamo educare i nostri giovani, specialmente quelli più svantaggiati, dobbiamo lasciare alle famiglie molta più scelta nella scuola e con esso un fiorire di varietà, pluralismo e libertà. Leggi antiquate e atteggiamenti che favoriscono lo status quo sono l’unico vero limite al futuro dell’istruzione americana.

Leave a Comment

Your email address will not be published.