Prendi la tua attività sul personale?

Prendi la tua attività sul personale? È una domanda onesta. La maggior parte delle persone dice “Sono affari, non prenderli sul personale”. Ma davvero, è possibile? Non credo. Penso che gli affari siano personali. Ammettiamolo, siamo persone. Siamo persone che hanno una vita, che amano e si prendono cura degli altri. Come esseri umani siamo compassionevoli, premurosi e proviamo sentimenti. Quindi, come possiamo eliminare i sentimenti dal business? Non possiamo. Possiamo, tuttavia, toglierne la negatività.

Cosa intendo per togliere la negatività da esso? Molti imprenditori prendono il “no” sul personale. Diamo un’occhiata a un’attività basata sui servizi come un allenatore, un personal trainer, un massaggiatore o persino un assistente virtuale. In queste attività è consuetudine fare offerte ai potenziali clienti per venire a beneficiare dei nostri servizi. Tuttavia, quando sentiamo “no”, possiamo intendere che il potenziale cliente sta dicendo “no” a noi personalmente, quando in realtà lo è ai servizi che forniamo.

Io chiamo questo tipo di comportamento comportamento da vittima. Significa che quando ci viene detto ‘no’, ci sentiamo come se fossimo stati rifiutati e poi imbocchiamo la strada del “non sono abbastanza bravo”… che non porta mai a nulla di positivo. Questo è ciò che intendo quando dico togli la negatività da esso. Sei abbastanza bravo. Quando entri in modalità vittima, la tua energia diminuisce, hai meno spinta a portare a termine le cose e di certo non hai voglia di fare un’altra offerta perché – dio non voglia – se anche quella persona dice “no”, hai semplicemente vinto non essere in grado di affrontarlo.

Sì, prendiamo le nostre attività sul personale. Io ci sono stato. Mi sono sentito giù e giù di morale quando qualcuno mi ha detto ‘no’. Mi sono sentito come se forse non fossi bravo in questo e chi vorrebbe comunque lavorare con me. Non è stato fino a quando ho capito che stavo diventando una vittima e stavo prendendo il “no” sul personale. Quello a cui stavano dicendo ‘no’, in realtà, sono loro stessi. Stanno dicendo no alla loro crescita, al loro potenziale e alla loro felicità.

Ecco un segreto: di solito quando qualcuno che è adatto a te dice di no, è perché non si sente abbastanza bravo. Potrebbero pensare che non otterranno i grandi risultati che stai dicendo loro che possono avere. Potrebbero pensare che sarà troppo difficile (un altro aspetto negativo e sicuramente una scusa) e non saranno in grado di essere all’altezza delle tue aspettative… e nemmeno delle loro.

Solo così lo sai; molte persone usano il denaro come scusa e davvero a volte è un valido motivo. Tuttavia, se ti hanno cercato e ti hanno chiesto di parlare con te, è probabile che sia giunto il momento per loro di andare avanti e potrebbero essere timorosi e nella mentalità della vittima.

Quindi, ecco alcune “regole” da ricordare in modo da non prendere “no” personalmente nella tua attività:

Regola n. 1: sei abbastanza bravo, proprio qui e proprio ora!

Regola n. 2: hai quello che serve per essere potente in ogni situazione.

Regola #3: Non sei affar tuo – se qualcuno dice di no, non è un “no” personalmente.

Regola n. 4: tieni un elenco delle cose in cui eccelli e, se prendi un “no” personalmente, tirale fuori e leggile.

Regola n. 5: ricorda la regola n. 1

Tutti si sentono come se potrebbero non essere all’altezza delle aspettative e quindi potrebbero anche non provarci. Ogni volta che senti un “no”, cerca di tenere a mente anche che è un no ora ma non per sempre. So di non essere l’unico a cui un potenziale cliente ha detto di no e poi è venuto da me in un altro momento e ha detto di sì. Spesso le persone hanno bisogno di pensare alle cose e di elaborarle. Sì, a volte hanno bisogno di sentire il dolore della lotta ancora un po’ prima di poter dire di sì a se stessi… che, ricorda, è a chi alla fine stanno dicendo di sì.

Un saggio mentore una volta mi ha detto: “Ti porti ovunque, quindi perché non prendere il meglio di te ogni volta, lasciando dietro di sé la possibilità di prendere le cose sul personale perché non ti serve mai bene”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.