Scopo dell’induzione

È il processo di introduzione/introduzione/familiarizzazione di una nuova recluta nell’organizzazione. Questo programma familiarizza il nuovo dipendente con la cultura, le pratiche accettate e gli standard di prestazione dell’organizzazione.

È stato dimostrato in uno dei sondaggi condotti dal Center for Creative Leadership (con sede a Greensboro, North Carolina, USA), che una nuova assunzione non ha soddisfatto le aspettative di un’organizzazione per i primi mesi. Il problema della produttività dei nuovi assunti deve essere definito individualmente da ogni organizzazione. I nuovi assunti sono in grado di apprendere il processo il più rapidamente possibile se gli sforzi di assunzione sono giusti e possono essere molto produttivi se la loro assunzione viene eseguita in modo corretto.

Importanza del programma di inserimento

“Cosa accadrà se non formiamo nuove reclute nell’organizzazione e loro rimarranno”.

Tenendo presente la dichiarazione di cui sopra, pensa all’importanza del programma di introduzione alla professione.

La formazione introduttiva è molto essenziale per qualsiasi azienda perché aiuta un individuo/neoassunto a crescere all’interno di un’azienda e lo motiva. Inculca nel dipendente più fiducia per progredire. È durante l’assunzione che una nuova recluta viene a conoscenza della filosofia occupazionale dell’organizzazione, dell’ambiente di lavoro fisico, dei diritti dei dipendenti, delle responsabilità dei dipendenti, dell’organizzazione, della cultura e dei valori insieme ai processi aziendali chiave.

Un nuovo entrante dovrebbe inserirsi culturalmente in un’organizzazione. L’interazione in questa fase modella la disposizione e la prospettiva di un individuo per i livelli di lavoro e motivazione. L’importanza dell’induzione non può essere sottovalutata.

Coinvolgimento in programmi di introduzione (dovrebbe essere)

Il programma di inserimento deve/dovrebbe includere tutti gli aspetti dell’organizzazione e presentare la consapevolezza del nuovo dipendente. Come le procedure di emergenza, le strutture, le questioni di sicurezza, i diritti del dipendente, quanto deve essere pagato, nessuna molestia, pari opportunità, procedure di reclamo, responsabilità dei dipendenti, tempi, standard di condotta, funzione lavorativa, requisiti di abbigliamento, struttura organizzativa, cosa fa, come si adattano, chi è il loro Manager, le funzioni dei diversi reparti, come sarà gestito il dipendente, cosa comporterà il processo di gestione delle prestazioni e il suo ruolo in quel processo, sono le poche aree di interesse durante un

Programma di induzione.

L’induzione dovrebbe essere condotta il primo giorno della nuova recluta dal cancello dell’organizzazione stessa. Per l’induzione solo la dirigenza superiore o il capo delle risorse umane o senior dovrebbe rivolgersi al nuovo entrante. Dovrebbe coinvolgere anche i dipendenti del reparto nuovi entranti. Un’introduzione efficace aiuta un nuovo dipendente a sentirsi sicuro e a proprio agio nel nuovo ambiente, che è fondamentale per l’adozione precoce del nuovo ruolo. L’induzione dovrebbe essere sempre interattiva. Fornisce inoltre un’opportunità al nuovo concorrente di radicare i valori e l’etica originali, nonché lo stile di funzionamento. Accompagnare un nuovo entrante sarà una delle fasi di introduzione migliori e più efficaci. Dovrebbe essere sempre interessante e deve attirare l’attenzione del nuovo dipendente.

Coinvolgimento in programmi di introduzione (non essere)

Innanzitutto il programma di introduzione alla professione non deve/non deve includere gran parte della parte teorica. Una cattiva induzione porta a stress e demotivazione. Arrivare per un nuovo lavoro una cattiva assunzione può lasciare un nuovo titolare preoccupato, ansioso e incapace di svolgere i propri compiti. Più lavoro più a lungo mentre il nuovo entrato lotta per diventare un membro effettivo. Aumenta il carico di lavoro, tutti i messaggi sbagliati dati al nuovo avviatore e può danneggiare le implicazioni a lungo termine.

I segni di un cattivo programma di introduzione alla professione sono troppo brevi – durante l’introduzione un nuovo entrante non dovrebbe semplicemente fornire i numeri di cellulare o un breve brief come sempre ricorda che una persona dovrebbe avere o non dovrebbe avere conoscenza, una conoscenza parziale porta al disastro. Troppo frettoloso – Una camminata veloce di dieci minuti e farlo familiarizzare con l’uscita o l’ingresso non dovrebbe far parte dell’induzione. Troppo noioso – Tutta la presentazione teorica e lunga con cifre alte coinvolte è un brutto segno di induzione. Impersonale – Evita ore di discorsi e presentazioni e voluminosi manuali politici o pacchetti informativi. Troppo personale – Non dovrebbe essere correlato al ciclo di vita completo di un nuovo concorrente. Trascurato – chiunque prenda l’induzione dovrebbe avere una conoscenza completa della partecipazione del nuovo ingresso al programma di introduzione, isolato e imbarazzante.

Differenza tra programmi di introduzione efficaci e non efficaci.

o Un’induzione efficace diminuisce le possibilità di attrito v/s una cattiva induzione aumenta l’attrito.

o Rende i dipendenti più energici mentre l’induzione non efficace demoralizza il nuovo entrante.

o Ha un impatto positivo v/s possiede un impatto negativo.

o Riduce il costo v/s aumenta il costo.

o Aumenta la capacità di lavoro di squadra v/s riduce la capacità di lavoro di squadra.

Per essere più precisi, segui l’esempio:-

Due dipendenti sono stati assunti nel 2004 presso l’azienda “X” come reclutatore tecnico. Il dipendente “A” è stato nominato ad agosto mentre il dipendente “B” è stato nominato il 4 dicembre. “A” ha attraversato un cattivo programma di inserimento come menzionato sopra e il dipendente “B” ha seguito un buon programma di inserimento inculcando tutte le necessità. “A” era molto confuso riguardo alle politiche di organizzazione; ambiente, cultura ecc., mentre “B” era chiaro su tutti gli aspetti dell’organizzazione. Dopo due anni ‘B’ è stato promosso a una posizione di alto livello mentre ‘A’ era ancora confuso e non era in grado di dare il massimo per l’azienda e non si sentiva affatto a suo agio con l’ambiente dell’organizzazione. In seguito alla promozione di “B” ha rassegnato le dimissioni dal motivo per cui la società era senior in termini di adesione da “B”.

Con l’esempio precedente diventa molto chiaro il tipo di differenza che l’induzione cattiva e buona può fare. Poiché una cattiva induzione non costa solo al dipendente ma anche all’organizzazione.

Impatto del cattivo programma di introduzione

Cattiva induzione = logoramento

Un cattivo programma di introduzione non solo porta a confusione, stress e demotivazione, ma uno degli effetti più disastrosi sarà l’attrito. Perdere un nuovo ingresso del personale e doverlo sostituire costa circa il 25% del suo stipendio/salario. Fornire troppo, troppo presto; il candidato non deve essere sopraffatto da una massa di informazioni il primo giorno. Il programma Bad Induction genera aspettative irragionevoli essendo più interessante ed eccitante del lavoro stesso.

Buon programma di induzione

Buona induzione = ritenzione

I programmi di introduzione alla professione aiutano a ridurre i tassi di abbandono, a quanto pare sì. La prima impressione è molto importante quando una persona entra in una nuova organizzazione e il modo in cui interagisci con questi nuovi entranti gioca un ruolo importante nel modo in cui adempiono ai loro doveri in seguito. È stato riscontrato che i dipendenti che hanno ricevuto un’induzione efficace erano più coinvolti rispetto a coloro che hanno valutato la qualità dell’induzione come inferiore alla media. Il pensiero di lasciare l’organizzazione si insinua nella fase iniziale nei casi in cui l’induzione non è fatta con passione. Una buona induzione prepara un dipendente meglio a competere in un mercato fortemente competitivo, che ha un impatto diretto sul successo iniziale e quindi sulla motivazione, aggiunge. È vero che solo una buona induzione non tiene lontano l’attrito, ma gioca un ruolo importante.

Conclusione

In conclusione, ottenere il giusto processo di inserimento, pone le basi per il resto dell’esperienza lavorativa. Questa è una fase critica nel processo di assunzione. I programmi di introduzione alla professione dovrebbero essere attuati in modo strutturato e applicati in modo uniforme in tutta l’organizzazione. Le migliori pratiche implicano un approccio molto strutturato al processo di introduzione alla professione.

Anshu Goyal

[email protected]

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *