Sette motivi per non accettare controproposte quando si considera l’occupazione

Da un po’ di tempo sei pronto ad abbandonare il tuo attuale lavoro nel campo dell’edilizia, dell’ingegneria o dell’ambiente perché ti senti sottopagato, bloccato in una routine e/o non apprezzato. Presentarsi in un luogo di lavoro è qualcosa che hai fatto a causa degli obblighi e anche quelli a malapena ti fanno alzare dal letto e andare al lavoro. Di recente, hai passato il tempo necessario a cercare lavoro, andando a colloqui e hai rassegnato le dimissioni solo per farti presentare dal tuo capo una controfferta, in modo che tu non te ne andassi. Non importa quanto sia lusinghiera la controfferta quando hai rassegnato le dimissioni. Non dovresti accettarlo per i seguenti motivi.

1. Accettare una controfferta è una soluzione a breve termine al problema. C’è una ragione di fondo per cui hai voluto lasciare il tuo lavoro nei settori ambientale, ingegneristico o edile. Potrebbe essere una mancanza di opportunità di avanzamento, la sensazione generale che il percorso di carriera che stai intraprendendo non ti porterà i risultati che desideri, condizioni di lavoro miserabili, cattiva gestione e/o burnout. Anche se la controfferta include rimedi per i problemi che stai vivendo, potrebbe essere solo questione di tempo prima che i tuoi sentimenti negativi tornino.

2. Avresti dovuto guadagnare quello che vali senza che la compagnia avesse paura di perderti. Il fatto è che non ti apprezzavano come dipendente se non erano disposti a pagarti perché tu vali. La società che ti offre un aumento come parte della sua controfferta indica che sta pensando solo a breve termine ai rischi e ai costi associati all’assunzione del sostituto. Una volta che avranno capito come sostituirti senza che sia problematico, te ne andrai.

3. Le controofferte sono sempre più vantaggiose per il datore di lavoro. Spesso, se il capo ritiene che i tempi delle tue dimissioni siano sconvenienti per loro, vorranno aspettare fino a quando non sarà meglio per loro licenziarti. Quindi, se l’azienda si sta dirigendo verso le vacanze, l’alta stagione o stai lavorando a un grande progetto, vorranno offrirti una promozione, più soldi e/o altri vantaggi perché non vogliono spendere tempo e denaro per intervistare e assumere il tuo sostituto in quel momento. Una volta trascorse le vacanze, il periodo di punta o il progetto, l’azienda non avrà più motivo di trattenerti.

4. Stanno solo guadagnando tempo per trovare il tuo sostituto, che molto probabilmente allenerai. Invece di aspettare che tu dia un’altra dimissioni, l’azienda spesso ti farà addestrare il tuo sostituto. L’azienda non avrebbe alcun motivo per tenerti al suo posto una volta che il tuo sostituto è stato addestrato.

5. Il capo potrebbe trattenerti solo per mantenere alto il morale dell’azienda e/o per avere un bell’aspetto nei confronti dell’alta dirigenza. Potrebbero anche voler avere un bell’aspetto per la persona o l’azienda per cui stanno svolgendo il lavoro di ingegneria, costruzione o ambientale e che uno dei loro dipendenti si dimetta durante il progetto non è un buon aspetto per l’azienda. Non appena questo non sarà più un problema, non avranno problemi a licenziarti.

6. La direzione non si fiderà più di te poiché hai dimostrato una mancanza di lealtà nei confronti dell’azienda. La direzione ti rinuncerà alle promozioni e sarai il primo ad essere licenziato perché sanno che non sei impegnato nel lavoro. Ti lasceranno perdere per incarichi e progetti a lungo termine perché non saranno sicuri che sarai in giro per completarli.

7. Il novanta per cento delle persone che accettano la controfferta non avrà un lavoro entro un anno e mezzo. La maggior parte dei dipendenti lascia un lavoro o viene licenziata entro sei mesi dall’accettazione di una controfferta.

Leave a Comment

Your email address will not be published.