Singapore si autosufficiente?

Singapore è spesso considerata un leader nello sviluppo sostenibile nella regione. La Malesia, ad esempio, ha sviluppato il Green Building Index (GBI) dopo molte consultazioni con la Building and Construction Authority (BCA) di Singapore.

Nel giugno di quest’anno, Singapore ospiterà il World Cities Summit, che promuove le “città sostenibili e vivibili”.

Questo evento, senza dubbio, posizionerà Singapore come un leader serio nella promozione della tecnologia verde nella regione.

Ma Singapore è davvero un modello di sviluppo sostenibile?

A livello micro, sembra essere il caso.

Nel settore immobiliare locale, la BCA ha svolto un buon lavoro nella regolamentazione del mercato immobiliare assumendo un ruolo guida.

Ad esempio, ha richiesto che tutti i nuovi edifici pubblici e quelli sottoposti a importanti lavori di ammodernamento soddisfino gli standard minimi di sostenibilità ambientale equivalenti al livello di certificazione Green Mark previsto dal suo First Green Building Masterplan.

Ha inoltre richiesto a tutti gli edifici del settore pubblico esistenti di ottenere il Green mark Gold Plus Award entro il 2020.

Inoltre, la BCA ha continuato a premiare gli sviluppatori che erano diventati ecologici attraverso i suoi BCA Awards annuali, spesso soprannominati gli “Oscar” del settore edile e delle costruzioni di Singapore.

Ciò ha contribuito a spingere gli standard di sviluppo sostenibile più in alto, come evidenziato dalla cerimonia di premiazione di quest’anno.

Nuovi traguardi raggiunti nel mercato immobiliare

I principali sviluppatori di Singapore continuano a fare nuovi passi avanti nello sviluppo sostenibile, come dimostra la pletora di premi assegnati ai BCA Awards di quest’anno. Quest’anno la BCA ha assegnato ben 159 premi.

CapitaLand ha vinto sette premi in totale, quattro dei quali per i suoi sviluppi residenziali.

L’Interlace e il suo imminente sviluppo a Farrer Road hanno ricevuto i premi Green Mark Gold Plus per le loro caratteristiche ecologiche, che vanno dal buon design degli edifici all’uso di pannelli solari e raccordi a basso consumo idrico.

Inoltre, RiverEdge e Varsity Park Condominium hanno vinto ciascuno il Construction Excellence Award, che riconosce i progetti di costruzione che hanno dimostrato prestazioni eccellenti.

CDL ha anche raggiunto un’altra pietra miliare del settore: il suo lussuoso W Singapore Sentosa Cove da 240 camere ha ottenuto il primo BCA Green Mark Platinum Award per un nuovo sviluppo alberghiero.

Per gli sviluppi residenziali, Cube 8, Tree House, Volari e W Singapore Sentosa Cove hanno vinto quattro Green Mark Platinum Awards.

CDL ha anche ricevuto tre Construction Excellence Awards, due Design and Engineering Safety Awards e due Universal Design Awards.

La City Square Residences di CDL, che ha vinto il Design and Engineering Safety Awards, è stata citata dalla BCA per la costruzione di un diaframma largo 126 metri

per mitigare i rischi nella costruzione di tre livelli di parcheggi interrati in condizioni di terreno difficili.

Polemiche verdi

A livello macro, invece, Singapore è stata sotto i riflettori sulle questioni ambientali, ma per tutte le ragioni sbagliate.

Ad esempio, Singapore è stata spesso citata come una delle più alte emissioni di carbonio pro capite a livello globale dall’Energy Information Administration (EIA).

La VIA, che fornisce statistiche sull’energia al governo degli Stati Uniti, tiene conto di dati come le emissioni di carbonio del carburante bunker, dell’aviazione e dei processi di raffinazione.

A maggio, Global Witness, un’organizzazione ambientalista che denuncia lo sfruttamento corrotto delle risorse naturali e il sistema del commercio internazionale, ha pubblicato un rapporto dannoso in cui affermava che Singapore stava importando sabbia cambogiana illegalmente e senza riguardo per l’ambiente.

La città-stato è stata anche recentemente nominata come la peggiore delinquente in uno studio condotto da due università.

Lo studio, che è stato condotto congiuntamente dallo studio della National University of Singapore (NUS) e dall’Università di Adelaide, ha classificato Singapore come il peggior criminale ambientale tra 179 paesi.

Secondo lo studio, Singapore ha visto perdere il 90% della sua foresta, il 67% dei suoi uccelli, circa il 40% dei suoi mammiferi e il 5% dei suoi anfibi e rettili.

Finora il Ministero dello Sviluppo Nazionale e il Ministero dell’Ambiente e delle Risorse Idriche avevano confutato entrambe le accuse.

Nel caso del rapporto Global Witness, il governo di Singapore aveva dichiarato di non aver ricevuto alcuna comunicazione ufficiale del divieto cambogiano di sabbia.

Global Witness, d’altra parte, aveva sostenuto che il fatto che Singapore sia il mercato principale per la sabbia cambogiana e che la BCA lo avesse pubblicamente commentato nel maggio 2009 suggerisce che il governo di Singapore sia a conoscenza del divieto.

Global Witness e le due università hanno affermato di essere in linea con la loro dichiarazione.

Mentre il verdetto è ancora in sospeso, forse il governo di Singapore potrebbe fare di più per dimostrare che sta davvero mettendo in pratica ciò che predica.

Leave a Comment

Your email address will not be published.