Telecamere di sicurezza nelle case di cura: utili o dispendiose?

Installare o non installare?

Questa domanda è in prima linea nei dibattiti sulla gestione delle case di cura. Al momento, la questione se installare o meno le telecamere di sicurezza nelle case di cura e dove posizionarle è estremamente controversa e tutt’altro che risolta.

Meriti dell’installazione di telecamere di sicurezza nelle case di cura

L’argomento più importante a favore delle telecamere di sicurezza è il loro valore deterrente contro abusi e cure scadenti. A queste telecamere di sicurezza è stato dato il soprannome di “cam della nonna” e si dice che siano un passo positivo nel ridurre il potenziale di abusi sugli anziani. Gli esperti ritengono che le telecamere della nonna potrebbero ripristinare da sole la fiducia del pubblico nelle case di cura perché offrono ai membri della famiglia l’accesso istantaneo ai filmati archiviati di recente. Possono, quindi, monitorare da vicino il benessere dei loro genitori o nonni.

Le telecamere di sicurezza vengono vendute al dettaglio per almeno $ 630 e possono arrivare fino a $ 1.590. Inoltre, c’è una tariffa mensile di $ 20 per l’accesso al server e altri $ 10 mensili per caricare le immagini tramite una linea di soli dati.

Svantaggi dell’installazione di telecamere di sicurezza nelle case di cura

Non sorprende che l’opposizione più forte all’uso delle nonnine cam provenga dall’industria stessa. Gli operatori e il personale delle case di cura considerano la videosorveglianza un’inutile violazione della privacy. Temono che le telecamere di sicurezza renderebbero molto più difficile trattenere un buon personale e attirarne di nuovi. Inoltre, ritengono che l’uso delle telecamere di sicurezza comprometta la dignità di un paziente, in particolare quando le attività del bagno e del bagno vengono filmate e quindi esaminate dalla sicurezza. Un altro argomento utilizzato è la spesa aggiuntiva. Dopotutto, una casa di cura avrebbe bisogno non solo di una, ma di diverse telecamere di sicurezza distribuite in punti strategici in tutta la casa di cura.

Il dibattito continua

Sebbene non siano insignificanti, tuttavia, i costi per l’acquisto dell’attrezzatura e le spese di installazione sono paragonabili al costo dell’aggiornamento dei servizi di pulizia, cibo o ricreazione. Ciò significa che l’acquisto e l’installazione di telecamere di sicurezza dovrebbero essere considerati come costi generali come gli stipendi del personale, ad esempio.

Inoltre, gli esperti ritengono che le telecamere di sicurezza aiutino gli operatori delle case di cura a ridurre al minimo la loro responsabilità legale nel caso in cui un dipendente o un residente di una casa di cura venga ritenuto colpevole di comportamento abusivo. Avendo a portata di mano prove acquisite digitalmente, i proprietari di case di cura possono quindi ridurre contenziosi non necessari e infondati.

Al momento, una dozzina di legislature statali stanno attivamente valutando l’approvazione della legislazione sulla granny-cam. Le leggi vigenti impongono che un operatore informi in anticipo il personale della presenza delle telecamere e dei rispettivi posizionamenti. In caso contrario, la videosorveglianza potrebbe essere considerata illegale. Non ci sono leggi che vietano espressamente l’uso di telecamere di sicurezza. Ciò che ne impedisce un ampio utilizzo, tuttavia, sono le barriere pratiche sotto forma di prezzi e la veemente opposizione da parte del settore delle case di cura.

Quindi, installare o non installare telecamere di sicurezza?

Gli operatori delle case di cura rispondono con veemenza “no” mentre gli esperti ne sostengono apertamente l’uso obbligatorio. Se sei il proprietario di una casa di cura, il costo istituzionale aggiuntivo molto probabilmente ti farebbe rabbrividire. Se sei uno dei tanti in cerca di una casa di cura per una persona cara, la tua risposta a questa domanda dovrebbe dettare la tua scelta di case di cura. Tuttavia, non farne la tua unica considerazione. Controllare la cronologia delle carenze e le citazioni della struttura da ispezioni normative formali.

Sarà molto difficile che questa controversia venga risolta rapidamente perché è una questione che colpisce troppo da vicino. Semplicemente non è possibile dare un prezzo alla sicurezza o negoziare la dignità.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *