Visto di viaggio per la Cina: alcune cose che dovresti sapere

Un visto è considerato tra i tanti requisiti necessari per i viaggi internazionali. Solo se viene presentata una domanda seguita dal rilascio di un visto per un suddetto paese, una persona potrà entrare nel paese di destinazione. Un visto ha diverse categorie pensate per i molti diversi scopi di ingresso. Questo può essere come o anche più sconcertante rispetto a quello di un passaporto. Come con tutti gli altri visti internazionali, un visto di viaggio per la Cina ha molte linee guida che devono essere seguite quando viene presentata la domanda prima che possa essere rilasciato.

Diversi paesi del mondo hanno le proprie diverse organizzazioni per il rilascio dei visti. In generale, le organizzazioni per il rilascio di passaporti e visti sono le stesse in un paese. Alcune delle diverse organizzazioni conosciute che rilasciano visti sono ministeri degli affari esteri, ambasciate/consolati, dipartimenti per l’immigrazione e persino stazioni di polizia in alcuni paesi. Queste organizzazioni sono responsabili del rilascio dei visti. Successivamente, questi stessi organi hanno anche il potere di rifiutare le domande di visto o annullare la validità di un visto rilasciato.

Esistono diversi tipi di visto di viaggio per la Cina. Questi visti includono D (visto di soggiorno), F (visto di lavoro/visita), G (visto di transito), L (visto turistico), X (visto di studio/studenti) e Z (visto di lavoro). Cercheremo di fornire alcune brevi informazioni su questi diversi tipi di visto.

D (Visto di soggiorno) – Tra i documenti richiesti c’è l’approvazione del Certificato di residenza, un passaporto vero e proprio con pagine di visto bianche e un periodo di validità di almeno 6 mesi. Il modulo di domanda di visto (Q1) deve essere compilato e allegato con una foto tessera da 2 pollici a colori/in bianco e nero. È richiesto anche un certificato di esame fisico.

F (Visto per affari/visita) – Simile al visto di soggiorno ma differisce nel senso che richiede una lettera di invito dalla Cina o una lettera di richiesta di visto aziendale originale. Per chi è nato in Cina e ha raggiunto successivamente la nazionalità straniera è richiesto il passaporto cinese (si accettano sia l’originale che la copia). Queste condizioni sono per applicazioni a ingresso singolo. Sono disponibili anche visti per ingressi multipli per affari, ma sono soggetti a requisiti diversi.

G (Visto di transito) – questo si spiega da sé con alcune soggezioni sulla natura dei transiti, che non richiedono questo visto.

L (Visto turistico) – Anche autoesplicativo. I suoi requisiti (documenti) sono simili a quelli del visto di soggiorno.

X (Visto per studio/studente) – Anche in questo caso si spiega da sé e richiede gli stessi documenti del visto di residenza con i moduli aggiuntivi JW201 e JW202 – L’avviso di ammissione delle scuole in Cina e la domanda di visto per studenti stranieri rispettivamente.

Z (Visto di lavoro) – Visto per chi cerca lavoro. Come il visto di classe D con il permesso di lavoro aggiuntivo per stranieri o la licenza di esperto straniero rilasciato dalle autorità cinesi. I familiari dei lavoratori che possono provare la relazione con una qualche forma di atti legali non devono richiedere documenti di lavoro.

Leave a Comment

Your email address will not be published.